Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 22 Maggio 2019, ore 06:45

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Punto Giallorosso ,

a cura di Jacopo Lualdi

Il mister della Roma Spalletti  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Sull'orlo del baratro

Roma in crisi, Spalletti potrebbe lasciare: a Basilea e a Genova imperativo vittoria&

Id Article:9971 date 13 Dicembre 2005

Milano,

Era forse troppo presto per parlare di una Roma risorta, di una situazione ristabilita a Trigoria dopo il successo con l'Ascoli. Fatto sta che dalla batosta in casa contro la Juventus, i giallorossi hanno ripreso a barcollare, ed ora, dopo anche la sconfitta contro il Palermo dell'ex Del Neri, è evidente lo stato di crisi di tutta la società, dalla dirigenza ai giocatori. Rimane difficile trovare una causa, e forse è sbagliato cercare a tutti i costi un capro espiatorio, anche se come sempre i giocatori hanno sempre la maggior parte delle responsabilità, nella vittoria così come nella sconfitta.

Ora voci non si sa quanto affidabili parlano di possibili dimissioni di Spalletti, e questo è un fantasma che appare sempre nei periodi più bui delle squadre. Ne sanno qualcosa gli interisti,che hanno vissuto anni di delusioni e continui cambiamenti di allenatori, senza capire mai che il vero problema erano i giocatori. Oggi l'Inter ha certamente una rosa più competitiva e i risultati si vedono. Dunque nella Roma il problema potrebbe davvero consistere nella rosa, non di certo all'altezza di quelle "capelliane"... La Roma è impegnata ora nella sfida UEFA contro il Basilea, e davvero saranno di vitale importanza i "tre punti" (anche se di punti non si tratta), per tornare a vedere la luce del sole e guardare avanti. Domenica, stessa storia. C'è la Sampdoria, un avversario tosto e pericoloso, e anche lì, nel posticipo, i giallorossi avranno solo la chance della vittoria per riprendere una posizione degna in campionato. Staremo a vedere...



Jacopo Lualdi