Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 20:18

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Dichiarazioni Post partita ,
,
a cura di Federico Formica
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 281 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 14 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Spalletti durante la conferenza stampa.  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

"Loro più forti, noi buoni per mezzora"

Roma-Juventus 1-4 2005-2006 Serie A
Spalletti commenta la disfatta con la Juve

Id Article:9645 date 20 Novembre 2005

Roma, Spalletti è chiaramente amareggiato, ma non depresso per questa sconfitta pesante che non lascia spazio a repliche di nessun tipo: "Potevamo fare meglio, ma la Juve e' una squadra fortissima, ci sta che paghi. Hanno vinto meritatamente, sono stati più bravi di noi. Loro nei duelli individuali, forza, corsa e centimetri, qualcosa lo tirano sempre fuori".
La Roma ha dato l'impressione di poter tener testa alla Juve fino a quando il gol di Nedved ha mandato tutti i piani all'aria: "Abbiamo fatto molto bene la prima parte della, meglio della Juve a livello di squadra. Chiaramente il gol di Nedved ci ha fatto male. A inizio ripresa e' arrivato il raddoppio di Ibrahimovic che ha definitivamente indirizzato la gara. A quel punto abbiamo perso le geometrie e non siamo stati più compatti". Qualcuno ha l'impressione che ad un certo punto questa squadra si sia lasciata andare ma Spalletti puntualizza: "Non è che ci siamo fatti mettere all'angolo passivamente, questa squadra ha provato a reagire allo svantaggio ed ha inevitabilmente lasciato degli spazi,ma ai ragazzi negli spogliatoi ho detto che bisogna analizzare i nostri errori, che ci sono stati, fino allo 0-2, perché dopo non c'è più stata partita".
A sorpresa la Roma è scesa in campo senza Mancini, e il tecnico spiega il perché: "Nel riscaldamento ha sentito un dolore al polpaccio e si è fermato. Dopo ha riprovato a correre  ma il dolore non si placava. Fosse per lui avrebbe provato a scendere in campo ma ho deciso io di tenerlo fuori per evitare che l'infortunio peggiori. Potrebbe trattarsi di una contrattura, e potrebbe non essere questione di due giorni, ora i medici valuteranno. Certo è un giocatore speciale quindi il suo infortunio ci ha messo nei guai".
Infine qualche parola su Paparesta: "L'arbitraggio? Il fuorigioco di Montella era inesistente e si capiva, ma abbiamo preso quattro gol e stare a recriminare sarebbe come arrampicarsi sugli specchi. Dobbiamo migliorare, ma credo che stasera non sia tutto da buttare".

Federico Formica