Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 01:17

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Punto Giallorosso ,

a cura di Jacopo Lualdi

Philippe Mexes contro il Messina, ancora importante.   
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Roma fuori dalla crisi?

La serie positiva continua, i fantasmi del passato sembrano spariti (non tutti), ed ora c è la Juve.

Id Article:9578 date 8 Novembre 2005

Milano,

Erano in pochi ad aspettarsi una ripresa così convincente della Roma, dopo una partenza assolutamente al di sotto delle aspettative. Eppure, sarà per caso, sarà per fortuna, sarà perché questa squadra ha davvero delle buone potenzialità, i giallorossi si sono riportati nelle parti nobili della classifica, con i suoi 18 punti, frutto di una grande umiltà e forza di volontà trasmessa da Spalletti ai suoi uomini.

Il risultato di Messina ha proseguito la striscia positiva che dura da quattro giornate (un pareggio e tre vittorie): un 2 a 0, secco, netto, meritato, contro un Messina che forse rimpiangerà le belle domeniche della passata stagione, ma che ha trovato in Gaetano D'Agostino un vero leader. Se l'ex romanista è dunque l'angelo custode dei siciliani, la Roma può, per ora, dormire sonni tranquilli sotto le ali protettrici di Mexes e Doni: sono infatti questi due i migliori in questo momento, coloro che (senza nominare il solito Totti),stanno mantenendo a galla le prestazioni della squadra. Il francese prima ha rimediato un risultato importante come quello di Roma-Ascoli, con un gol all'ultimo secondo, e ancora domenica ha portato in vantaggio, facendosi trovare nel posto giusto al momento giusto, la Roma contro il Messina. Doni, invece, non sarà l'equivalente giallorosso del connazionale Dida, ma tra i pali sembra offrire una sicurezza che forse il giovanissimo e promettente Curci non è ancora in grado di dare. Già, tra i pali...perché sulle uscite da cardiopalma che vediamo da fuori, il portiere carioca ha ancora da lavorare, e parecchio.

Infine, complice della squadra capitolina, specialmente nell'ultima giornata, è stata, non neghiamolo, la fortuna: se è vero infatti che la Roma sta offrendo nelle ultime gare un gioco pulito e pericoloso, una buona dose di fortuna ci ha aiutati nel trovarci di fronte ad attaccanti forse non all'altezza delle aspettative, e che, speriamo, continuino a non esserlo...



Jacopo Lualdi