Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 22 Maggio 2019, ore 07:28

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Punto Giallorosso ,
,
a cura di Francesco Conti
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 286 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 3 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Prima della partita il giro di campo della Roma 2005-2006   
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Roma peggio dello scorso anno!

Primo bilancio stagionale negativo per la Roma. Pessimo avvio di campionato con 9 punti in 8 gare come la passata stagione.

Id Article:9353 date 24 Ottobre 2005

Roma,

Doveva e poteva essere la svolta per la Roma e invece il pareggio ottenuto nel derby non ha certo migliorato la situazione per la squadra di Spalletti.

La stagione in corso sembra sempre più una prosecuzione del finale terrificante della precedente.

Se poi consideriamo le "attenuanti" della stagione 2004-2005 in primis la vicenda Prandelli che ha costretto la Roma ad un precampionato difficile praticamente senza preparazione atletica e poi i vari cambi di allenatori durante l'anno, la situazione attuale sembra ancora più grave visto che fino a prova contraria la preparazione dovrebbe essere stata effettuata senza intoppi e il mister Spalletti ha potuto agire dall'inizio con praticamente la stessa rosa dello scorso anno con in più Nonda, Taddei, Kuffour e Bovo.

 

La classifica parla chiaro: la Roma dopo 8 giornate di campionato si ritrova con soli 9 punti al 14.mo posto a ben 15 lunghezze dalla capolista Juventus e con soli 5 punti di vantaggio su Messina e Lecce che occupano la terzultima posizione.

 

Confrontando questi dati con le passate stagioni ci accorgiamo che la Roma attuale sta facendo peggio anche dello scorso anno quando all'ottava giornata avevamo già cambiato 4 allenatori: Prandelli in estate, poi Voeller fino alla quarta giornata e infine Del Neri(che poi si dimetterà a marzo) passando per Sella nella trasferta di Champions League a Madrid.

 

Lo scorso anno infatti dopo 8 giornate la Roma aveva gli stessi punti, 9 come questa stagione, ma era due posizioni più in alto in classifica(12.mo posto a parimerito con Udinese, Bologna e Brescia) a soli 4 punti dal quarto posto grazie ad una classifica molto corta con tante squadre raccolte in pochi punti. Quest'anno invece il quarto posto, occupato dalla Fiorentina, è già lontano 7 punti.

 

A peggiorare la situazione attuale l'analisi del calendario della Roma che almeno sulla carta era fino a questo turno considerato agevole visto che i giallorossi non hanno ancora affrontato nessuna delle 3 grandi (Milan,Juve e Inter) mentre nella stagione passata la Roma aveva già incontrato l'Inter all'Olimpico pareggiando 3-3 e la Juve di Capello perdendo 2-0 a Torino.

 

Tornando ancora più indietro, pensando alla stagione 2002-2003, ovvero quella dell'ottavo posto di Capello, la Roma aveva iniziato molto meglio non tanto in termini di punti ottenuti (2 in più) quanto perché la classifica era migliore visto che i giallorossi dopo 8 turni erano al settimo posto in classifica con 11 punti e il quarto posto occupato dalla Lazio era a soli 3 punti.

 

Inutile sottolineare come il momento sia molto delicato per la Roma soprattutto pensando a quello che si è visto finora a livello di gioco, pressoché nullo, con tanti problemi soprattutto a centrocampo e anche in fase conclusiva con Montella ancora a secco a differenza dello scorso anno che aveva iniziato alla grande. La Roma fa infatti molta fatica a sbloccare le partite, basti pensare alla distribuzione dei 10 gol fatti finora dalla Roma di cui ben 7 sono stati segnati in soli due partite, nelle uniche vittorie ottenute, 3 reti a Reggio Calabria e 4 in casa col Parma.

 

 

Guardando avanti alle prossime gare è difficile essere ottimisti visto che la Roma si prepara ad affrontare un ciclo piuttosto difficile di partite a partire da mercoledì sera a Milano contro l'Inter.

 

La speranza è l'ultima a morire ma bisogna assolutamente invertire la rotta il prima possibile per uscire da questa situazione che a tutti gli effetti può essere definita una crisi, che purtroppo va avanti già da un anno.



Francesco Conti