Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 22 Gennaio 2019, ore 23:56

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
l'Esultanza di Leandro Cufrè
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Tromsoe-Roma 1-2: Tre punti che fanno morale.

Tromso-Roma 1-2 2005-2006 Coppa Uefa
Anche se non convincendo pienamente la Roma torna dalla trasferta norvegese con tre punti che fanno classifica e morale.

Id Article:9299 date 21 Ottobre 2005

Roma,

Certo la vittoria fa morale e i tre punti sono un ottimo viatico per il cammino Uefa ma i problemi della Roma restano e in chiave Derby non c'è da stare troppo tranquilli.

Per questa trasferta norvegese, Spalletti aveva annunciato il turn over con l'impiego di Alvarez, Doni e Kharja, il rientro di Cufrè almeno per un tempo e le staffette tra De Rossi e Perrotta e Taddei e Mancini. Dovendo fare i conti con le assenze di Cassano, Montella e Totti in avanti Nonda risultava l'unica soluzione possibile dato che ad essere convocati per il reparto offensivo c'erano solo lui ed il giovane Okaka.

Su un campo al limite della praticabilità le maggiori difficoltà le incontrava la squadra giallorossa, impossibilitata a giocare palla a terra,  per contro per il Tromsoe era possibile  far valere  la maggior  potenza fisica dei suoi giocatori, reduci da una serie vincente di ben quattro partite in campionato. La Roma non partiva male, vogliosa di riscattare la figuraccia di Empoli, ma a rendersi maggiormente pericolosi erano i norvegesi che in almeno un paio di occasioni offrivano al portiere brasiliano Doni l'occasione per mettersi in mostra. Al 35' a sorpresa Roma in vantaggio: angolo di Bovo e in zuccata vincente di Kuffour. L'esultanza però durava poco perché nemmeno sei minuti dopo con la difesa romanista imbambolata arrivava il pareggio di Aarst abile a trovare la zampata vincente dopo una mischia furibonda.

Nella ripresa le folate offensive dei norvegesi cominciano a perdere di vigore mentre era la compagine giallorosa ad uscire alla distanza e a prendere in mano le redini della gara. Il problema però è sempre il solito: tutto bene fino alla trequarti e poi il nulla. De Rossi,subentrato ad uno spento Dacourt , sfiora la rete in almeno due occasione una di testa e una, clamorosa, con palla spedita sulla traversa a porta vuota. Dall'altra sponda non era da meno il neo entrato Ademolu, che decideva di imitare il centrocampista giallorosso, divorandosi una rete immensa. Quando si ipotizzava un pareggio ecco spuntare all'orizzonte il redivivo Cufrè, subentrato a Panucci, che innescato da Alvarez si insinuava in area e da consumato centravanti spediva il pallone sul lato opposto del portiere realizzando la rete del 2 a 1.

Peccato che proprio un minuto prima della fine Perrotta si sia fatto buttare fuori dall'arbitro per gioco scorretto. Per lui scatterà automatica la squalifica per almeno un paio di turni.

Almeno per il morale questi tre punti sono un toccasana, però al Derby la musica sarà diversa ...e certamente servirà un altra Roma!

   



Antonio Dir. Delle Site