Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 25 Marzo 2019, ore 11:18

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Rossella Sensi, uno sguardo ottimista verso il futuro  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Telenovela Cassano: la fine è ancora lontana.

Il manager Bozzo risponde alle dichirazioni di Rosella Sensi.

Id Article:9239 date 16 Ottobre 2005

Roma,

Continua la stucchevole telenovela tra la dirigenza giallorosa e il procuratore Bozzo in merito al rinnovo del contratto di Antonio Cassano.

"La pazienza è terminata, se Cassano vuole rimanere a Roma, deve accettare l'offerta formula dalla società giallorosa." Questo in sintesi le dichiarazioni di Rosella Sensi ad alcune radio romane. "Non ho intenzione di discutere ancora, per me la trattativa è chiusa. L'offerta fatta a Cassano è importante, oltre non andremo. La nostra proposta è per un giocatore che deve dimostrare ancora tanto. A questo punto non dipende più da noi: sta a lui scegliere. Solo Totti guadagna di più, tra i giocatori delle rosa. L'offerta che gli abbiamo fatto è di quelle importanti, ma lui continua a non rispondere, e allora discorso chiuso. La tolleranza è terminata. Non ho detto che il giocatore è fuori rosa però noi abbiamo bisogno di persone che non pensano ai contratti, bensì a giocare. E Spalletti deciderà in base a questo".
Stizzita la replica del manager di  Cassano: "Ieri sera avevo parlato con Pradè e non avevo avuto segnali di chiusura così drastici. L'amministratore delegato della Roma non vuole più vedere ne Antonio ne me? Ne prendiamo atto". Giuseppe Bozzo non ha per nulla gradito l'uscita della dottoressa Sensi. "Non mi sembrava che la situazione fosse così compromessa,Antonio ha sempre detto di voler restare alla Roma e lo ha anche dimostrato facendo dei grandi passi indietro dal punto di vista delle richieste. Ci vorrebbe buon senso, ma non mi pare proprio che ce ne sia. Termini come tolleranza andrebbero usati in altri contesti, comunque Antonio è sereno, a lui non interessano i contratti, gli basta giocare a pallone per divertirsi".

Seppur dolorosa siamo vicini ad una soluzione? Difficile a dirsi. La verità è che oggi la squadra ha grossi problemi e non si riesce a capire se Cassano possa contribuire alla loro soluzione o ad un loro aggravamento.



Antonio Dir. Delle Site