Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 20:31

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,

a cura di Luca Valletta

Il difensore Mexes durante una seduta di allenamento a Trigoria
(Premi per la FOTO Ingrandita)

 Mexes era libero di lasciare l Auxerre

Jouanneaux difende l operato del suo assistito e critica la società francese che, da ieri, è finita sotto inchiesta.

Id Article:9156 date 6 Ottobre 2005

Roma,

L'infinita telenovela che accompagna la società capitolina ormai da un anno, fa tappa venerdì al Tribunale dello sport di Losanna dove ci sarà una nuova udienza per decidere sul blocco del mercato inflitto alla Roma. Il legale di Mexes, Olivier Jouanneaux, è tornato a parlare dell'episodio che ha rischiato di compromettere la stagione giallorossa. "Al contratto di Mexes era stato applicato il nuovo regolamento della Fifa, il giocatore poteva, così, rompere l'accordo con l'Auxerre". Jouanneaux ha poi criticato la richiesta di risarcimento della società transalpina. "I 20 milioni di euro richiesti dall'Auxerre sono molto lontani dai 5 con i quali il giocatore aveva la possibilità di lasciare il club.". Nella giornata di ieri, intanto, in Francia è scoppiato un nuovo caso in cui è finito in mezzo lo stesso Auxerre oltre a Marsiglia,Troyes, Sochaux, Nizza, Lilla, Metz e Montpellier. Le società sono finite sotto inchiesta per trasferimenti di giocatori effettuati da Richard Bettoni, che in passato ha avuto incarichi per l'Auxerre ma che, ora, non ha l'autorizzazione della Fifa per il ruolo di agente di giocatori. Jouanneaux, intervenuto ai microfoni di Radio Incontro, ha però chiarito la vicenda. "Le operazioni riguardanti il trasferimento di Mexes sono avvenute alla luce del sole, ma la polizia adesso sta indagando sui trasferimenti di Cissè e di altri giocatori". Difficile capire se questa nuova vicenda possa ripercuotersi anche sul contenzioso per Mexes, ma di sicuro per la società francese non si prevede un periodo di tranquillità.



Luca Valletta