Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 20 Marzo 2019, ore 22:23

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
okaka in azione
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma passa il turno ma che noia!

Aris-Roma 0-0 2005-2006 Coppa Uefa
La Roma raggiunge l'obiettivo ma le emozioni latitano.

Id Article:9071 date 30 Settembre 2005

Roma,

Che sarebbe stata poco più di una scampagnata fuori porta  lo si sapeva ed effettivamente il vantaggio accumulato nella gara di andata lasciava poco spazio alla fantasia.

E' vero che mancavano in tanti e che dalle seconde e terze linee non si può certo chiedere la luna.

Accogliamo quindi con la debita soddisfazione il passaggio del turno, prendiamo atto di un primo tempo autorevole, in cui gli uomini di Spalletti avrebbero anche meritato il vantaggio, e di una ripresa attenta; un segnale di maturità e una dimostrazione di come si possa gestire al meglio il turnover. Bene anche la difesa con solo tre reti al passivo in sette gare tra Campionato e Coppa però un dubbio resta: perché questa Roma è così noiosa?

Le occasioni ci sono pure ma sembra di vedere un film già visto, la classica minestra riscaldata.

I segnali per fare bene e che le cose sono cambiate rispetto allo scorso anno ci sono tutte,lo spogliatoio è più unito, Spalletti sta lavorando bene e la squadra sembra stia imparando a seguire i suoi dettami. E vero anche che manca la condizione migliore e in questo periodo sarebbe strano ci fosse, però "che noia, che barba, che barba, che noia" volendo citare la Mondaini.

Bene in prospettiva Okaka, per cui si prospetta un grande futuro, apprezzabile la velocità di Alvarez e la tecnica di Karja. Da rivedere in prove più impegnative il portiere Doni che comunque ha dimostrato di avere piedi brasiliani non sbagliando nemmeno un rinvio di piede. Bene anche Dacourt in fase di costruzione del gioco e poi per il resto sufficienze di stima e nulla più.

Forse ci vuole tempo e pazienza ma almeno un imperativo per la prossima sfida con il Siena è d'obbligo: anche con un autorete a tempo scaduto ma bisogna portare a casa i tre punti per non rischiare di rimanere troppo indietro rispetto alle prime della classe.  



Antonio Dir. Delle Site