Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 22 Gennaio 2019, ore 23:58

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 1747 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 13 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Id Article:853 date 7 Aprile 2003

Roma, La partita si può riassumere nelle parole di Fabio Capello a fine gara:"Più di ogni cosa sono contento di aver fatto risultato,perchè in passato tornavamo da Milano con tanti complimenti ma con...zero punti, mentre questa volta finalmente le cose sono andate in maniera differente !" - Effettivamente la partita di emozioni ne ha fornite tante, specie nei continui cambiamenti : non solo di risultato, ma anche di gioco.
La Roma, dovendo far fronte all'assenza di Cafù e Zebina, schierava Candelà sulla destra, Lima sulla sinistra e al centro il trio Samuel, Panucci e Aldair con Cassano in avanti e Montella in panchina. Nella Roma si riaffacciava -anche se solo in panchina - Dellas. L'inter invece optava per lo schieramento con sole due punte, con Recoba a sostegno di Vieri, con l'ex laziale Conceicao sulla fascia, e in panchina Crespo, ma sopratutto Batistuta, in settimana più volte chiamato in causa dal presidente Sensi.
Il primo tempo finiva in parità, ma le emozioni e le occasioni non sono certo mancate nè da una parte nè dall'altra, in quanto è stato possibile contare su entrambi i fronti almeno 15 azioni degne di nota. Su tutti, in luce Recoba e Totti mentre Vieri e Cassano, eccessivamente nervosi, impiegavano un pò per entrare nel vivo della partita.
Nella ripresa, subito Cassano andava in rete al primo minuto con un tiraccio di punta che beffava Toldo e regalava il vantaggio alla Roma.La reazione interista era veemente e dopo nemmeno 10 minuti Vieri rimetteva le sorti della gara in parità con la complicità di Aldair e Pelizzoli, non certo esenti da colpe sulla rete del bomber interista. La Roma si riaffacciava nell'area dell'Inter con Lima che invece di concludere a rete...decideva di fare gentile omaggio del pallone ad alcuni infreddoliti spettatori assiepati nell'ultimo anello dello stadio. Al 13' minuto,show di Recoba che in percussione entrava in area romanista e,palla al piede, grazie a qualche rimpallo fortunato e sopratutto alla sua grande classe, riusciva a dribblare tutta la difesa di Capello e a piazzare, con la complicità del palo, alle spalle di Pelizzoli la palla del 2 a 1. Capello correva subito ai ripari facendo entrare l'areoplanino al posto di Delvecchio, molto mobile ma poco incisivo, ma ad esclusione di una conclusione del nuovo entrato ben parata da Toldo, la Roma non sembrava reagire a dovere. Al 32',la partita sembrava finita per via della rete siglata da Emre che, dopo una serie di lisci colossali, con un tiraccio dal limite dell'area riusciva a piegava le mani di Pelizzoli.
A questo punto, con alcuni giocatori dell'Inter probabilmente già con la testa alla prossima sfida di Champions con il Valencia, ecco venire fuori la Roma che non ti aspetti, quella dei momenti magici di due anni orsono, che nel giro di tre minuti prima accorcia le distanze con una autorete di Di Biagio, propiziata peraltro dalla pressione di Montella e Panucci, e poi raggiunge il pari con lo stesso Vincenzino, capace di beffare Toldo con un tiro di pregevola fattura balistica.
Partita finita e pareggio buono per tutti? Nemmeno a parlarne! La Roma, vedendo l'Inter sbandare, comincia a credere nell'impresa storica e con il solito Montella, colpisce un palo clamoroso. Cuper allora, viste le precarie condizioni di Recoba, decide di giocare la carta Batistuta, e proprio il bomber argentino replica al legno romanista con uno altrettanto clamoroso a portiere battuto, appena 2 minuti più tardi...
Alla fine la gara termina 3 a 3 , con gli interisti a... mordersi le mani per non aver saputo gestire il doppio vantaggio, e con la Roma che dopo anni finalmente riesce a portar via punti a San Siro. L'unico rammarico è non aver visto anche in altre occasioni quella grinta e quel carattere che...avrebbe permesso oggi alla compagine capitolina di occupare ben altro posto nella classifica della serie A.






Antonio Dir. Delle Site