Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Venerdi 22 Marzo 2019, ore 07:57

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Da Trigoria ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Bruno Conti in conferenza stampa
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Conti ci crede: "Proviamo a ribaltare il risultato"

Nella conferenza stampa prima della gara di ritorno contro l'Inter mister Conti crede ancora possibile un risultato a sorpresa.

Id Article:8322 date 14 Giugno 2005

Roma,

Alla vigilia della partita di ritorno della finale di Coppa Italia, mister Bruno Conti ha incontrato i giornalisti nella sala stampa a Trigoria.


Dopo lo 0-2 di domenica sera con quale spirito affronterete la partita di ritorno?
"Alla squadra chiederò di provarci, tutto è possibile nel calcio. Certo due goal sono tanti, ma dobbiamo scendere in campo credendoci. Se riusciamo a segnare nella prima mezzora tutto diventa possibile.Dovremo uscire dal campo con la consapevolezza di aver dato tutto. Ho rivisto la partita di domenica sera, e devo dire che noi non abbiamo sfigurato contro un avversario tutt'altro che facile, perchè l'Inter è squadra compatta, tecnicamente molto forte. Se però andiamo a vedere le occasioni da rete noi siamo stati condannati solo da due episodi, non è detto che questa volta la ruota giri a nostro favore ... pertanto tutto è possibile."

Cosa teme dell'Inter?

"Innanzitutto non è facile con nessuno rimontare due gol. Non guardiamo le assenze, ma cerchiamo dall'inizio di andare subito in vantaggio per poi fare il secondo. Il tabù di San Siro? E' vero che a San Siro non vinciamo da anni e che andiamo ad affrontare una squadra compatta. Noi però dobbiamo stare tranquilli e sereni e cercare di aspettare il momento giusto per colpire".

La Roma scenderà in campo con il tridente?

"Certamente scenderemo in campo con una formazione offensiva. Però sono considerazioni per cui è troppo presto. E' chiaro che spero in una giocata dei miei campioni ma più di tutto mi affido alla coesione del gruppo. Per vincere c'è bisogno di tutti. Responsabilizzare Totti? Mi sembra che già l'altra sera ha dimostrato di esserci e di combattere. Era molto carico,lo hanno visto tutti."

Ci sono problemi per la formazione?

"Sicuramente rientrerà De rossi che ha scontato la squalifica. Mancini non si è allenato perchè alle prese con un problema muscolare e Montella stesso è dolorante alla schiena, pertanto vedremo domani".

In questi giorni girano molte voci su Cassano come uomo mercato.
"Cassano che deve andare via è l'ultima cosa a cui voglio pensare. Adesso dobbiamo rivolgere tutte le attenzioni alla partita e non a quello che viene detto su Antonio. Nessuno vuole che Cassano vada via, ha dimostrato tutto il suo valore e continua a farlo, e anche domani sarà di aiuto."

Come giudica la sua breve esperienza alla guida della prima squadra?

"Sono arrivato in un momento disastroso. Nonostante tutto, con questi ragazzi, siamo riusciti a ribaltare alcune situazioni che sembravano perse in partenza, come la semifinale di Udine. Abbiamo sofferto molto, specie perché i risultati non arrivavano, ma nell'ultima settimana di campionato sono stato ripagato di tutta le difficoltà con la qualificazione e la finale di Coppa".

Quella finale che purtroppo dopo la partita di domenica sembra essere compromessa.

Questi comunque i convocati per la sfida contro l'Inter di domani sera in rigoroso ordine alfabetico:

Amantino, Cassano, Chivu, Corvia, Cufrè, Curci, Dacourt, De Rossi, Ferrari, Mexes, Montella, Panucci, Perrotta, Scurto, Totti, Xavier, Virga, Pipolo, Greco e Rosi.
La squadra nel primo pomeriggio lascierà Trigoria per recarsi all'aeroporto di Fiumicino per prendere l'aereo per Milano. L'arrivo è previsto per la serata di oggi.



Antonio Dir. Delle Site