Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Venerdi 23 Agosto 2019, ore 08:50

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Chiesa , SkSoggetto:Papa Benedetto XVI , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 633 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Papa Benedetto XVI durante la visita alla basilica di San Paolo fuori le mura.
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Festa grande per Benedetto XVI

Il caldo abbraccio dei fedeli di Roma in occasione della visita del Papa alla basilica di San Paolo Fuori le mura.

Id Article:7570 date 26 Aprile 2005

Roma,

Dopo la solenne messa di inizio pontificato di domenica ieri è stata una giornata intensa per Benedetto XVI: prima l'incontro con le delegazioni che hanno partecipato alla cerimonia di inizio pontificato, poi quello con i connazionali e infine la prima visita fuori dalle mura vaticane, per rendere omaggio al sepolcro di San Paolo nella basilica romana a lui consacrata e affidata alle cure dei frati benedettini. Una scelta sicuramente voluta per rendere omaggio a San Paolo pastore itinerante dell'antichità e ai frati di San Benedetto, fondatore del monachesimo in europa, che da secoli ormai ne custodiscono il sepolcro.

Prima dell'incontro con i conazionali, il Papa aveva ricevuto, nella Sala Clementina, le delegazioni che hanno partecipato ieri alla messa di "insediamento". Ratzinger ha detto che la Chiesa vuole "continuare a costruire ponti di amicizia con le altre religioni", e ha espresso parole di gratitudine nei confronti dei rappresentanti musulmani: "Apprezzo la crescita del dialogo tra musulmani e cristiani, sia a livello locale che internazionale".

Ai fedeli tedeschi incontrati nell'aula Paolo VI Papa Ratzinger ha confessato pubblicamente i timori che lo hanno agitato durante il Conclave ovvero la paura di essere eletto. "Le strade del Signore non sono comode e noi non siamo fatti per essere comodi quindi non ho potuto fare altro che dire sì all'elezione. Non avevo mai pensato che sarebbe toccato a me ma quando ho visto avvicinarsi quella ghigliottina ho ripensato a una cosa che mi aveva scritto un prete tedesco in una lettera che ho portato con me in Conclave: se il Signore mi avesse rivolto quel "seguimi", avrei dovuto ricordare quanto avevo detto ai funerali di Giovanni Paolo II e non negarmi. Ho pregato il Signore di scegliere qualcuno più forte ma evidentemente Lui non mi ha ascoltato".

Non è poi mancata la battuta relativa al ritardo con cui l'udienza è cominciata, oltre venti minuti rispetto all'appuntamento delle 11.30. Il Papa scherzando ha detto: "Scusate per il mio ritardo,visto che i tedeschi sono abituati ad essere molto puntuali. Si vede che mi sono un po' italianizzato. Sono da 23 anni a Roma ma resto bavarese".

Nel pomeriggio, intorno alle 18,20, la visita a San Paolo fuori le mura dove Benedetto XVI è stato accolto da migliaia di persone all'esterno e all'interno della chiesa. Ad accoglierlo anche il Cardinale Vicario Camillo Ruini confermato dal Papa nel suo mandato di gerente della diocesi di Roma fino alla naturale scadenza del mandato. Per la prima volta da quando è Papa Benedetto XVI ha preso in braccio un bimbo: il piccolo, al massimo un anno di età, consegnato da una donna che era al di là delle transenne della navata centrale è apparso divertito tra le braccia del Pontefice. Il momento più toccante è stato sicuramente la visita al sepolcro del santo e martire dove il Papa si è soffermato in ginocchio in preghiera per alcuni minuti. Non a caso il Santo Padre ha voluto ricordato come "la Chiesa di Roma presiede alla comunione universale della carità proprio perché fecondata dal sangue dei martiri."

L'omelia è stata interrotta più volte dagli applausi, uno dei quali, lunghissimo, quando ha evocato "Giovanni Paolo II, Papa missionario la cui attività così intensa, testimoniata da oltre cento viaggi apostolici oltre i confini d'Italia, è davvero inimitabile. Voglia il Signore alimentare anche in me lo slancio missionario che fu di Wojtyla, e non mi dia pace di fronte alle urgenze dell'annuncio evangelico nel mondo di oggi".

Nella giornata di oggi sono invece inizate le prime udienze di routine per Benedetto XVI: terminata la prima parte dei riti di inizio pontificato (manca ancora l'insediamento a San Giovanni in Laterano del 7 maggio), il nuovo papa ha iniziato a ricevere alcuni porporati, nello studio dell'aula Paolo VI. Di lavoro all'orizzonte se ne prospetta davvero molto.



Antonio Dir. Delle Site