Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 16 Giugno 2019, ore 04:40

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Aquilani svetta di testa su Pinzi
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Pareggio agrodolce.

Udinese-Roma 3-3 2004-2005 Serie A
La Roma esce indenne da Udine ma rimane il rammarico per non aver sfruttato a pieno il doppio vantaggio.

Id Article:7145 date 10 Aprile 2005

Roma, La Roma che non ti aspetti, in piena emergenza e con mezza primavera in campo (l'età media era meno di 23 anni), invece di recitare il ruolo dell'agnello sacrificale, strappa meritatamente un bel pareggio su un campo ostico come quello dell'Udinese, interrompendo la serie negativa di risultati che ormai da troppo tempo vedeva la stessa compagine giallorossa tornare a casa senza punti. Si comincia ad intravVedere il buon lavoro di Conti, l'unico fino ad ora ad esser riuscito a dare un gioco a questa squadra, che oggi ci ha mostrato delle belle cose.Mentre per Spalletti ci sono problemi di abbondanza, Conti deve far fronte alle numerose assenze essendo indisponibili per infortunio Cerci, Pelizzoli, Tommasi e Dellas e per squalifica De Rossi, Perrotta, Totti, Panucci e Mexes. Grande sorpesa alla lettura delle formazioni: l'Udinese schiera un aggressivo 3-4-3 con in avanti il trio Iaquinta, Di Michele e Di Natale; la Roma invece presenta un prudente 4-4-2 con a sorpesa il giovane Marsili, nemmeno diciotto anni, al posto di Virga (altro giovanissimo della primavera).Prima dell'inizio il minuto di silenzo dedicato al Santo Padre e ancora una volta un altro piccolo prodigio: tutto lo stadio unito in un commosso saluto ad una figura (il Papa) che in occasione della visita apostolica in Brasile venne definito dalla stampa carioca "il goleador di Dio".Primo tempo decisamente avvincente con repentini capovolgimenti di fronte e qualche amnesia di troppo da entrambe le parti per quello che concerne la fase difensiva. La Roma parte subito senza timori; già al 3' è Aquilani a sprecare di testa spedendo alto da buona posizione. I friulani però non stanno a guardare e sfiorano la segnatura al 5' con Jankulovski e all'11' con Di Natale. Al 14' Roma in vantaggio con una magistrale punizione calciata da Chivu nonostante il tuffo di De Santis. L'Udinese accusa il colpo e non riesce a reagire, i giallorossi lo capiscono e ne approfittano realizzando al 23' la rete dello 0 a 2: Cassano innesca Mancini che con l'involontaria deviazione di un difensore riesce a confezionare uno splendido assit per Montella che di testa mette in rete.A questo punto sono i bianconeri a dare segni di risveglio grazie anche alla rete trovata un pò casualmente al 27' grazie a Di Natale,abile ad intercettare una palla vagante in area e ad insaccare la rete del 1 a 2. La Roma accusa, il giovane Marsili sembra un po troppo spaesato ed in difesa qualcosa non funziona a dovere, cosicchè al 33' ecco arrivare con una classica azione di contropiede la rete del pareggio friulano ad opera di Pinzi (nell'occasione comunque ci sono tre giocatori bianconeri soli soletti davanti a Curci). A questo punto Conti pensa bene di cambiare qualcosa sostituendo Marsili con Virga, che entra subito in partita sfiorando la rete e costringendo De Santis ad un intervento non facile. L'azione offensiva dei giallorossi riprende vigore e al 44' arriva la rete del 2 a 3 ad opera di Mancini sempre ottimamente servito da Cassano.Nella ripresa Spalletti inserisce Kroldrup e Zenoni per Sensini e Pinzi e la partita cambia fisionomia. La Roma con il passare dei minuti arretra sempre più il suo baricentro e l'Udinese si getta a pieno organico nella metà campo romanista alla ricerca del pareggio. Al 54' Chivu mette in angolo, a Curci battuto, sulla linea di porta un tiro di Di Natale che dieci minuti più tardi vedeva respinta una conclusione a botta sicura da parte di Scurto. La Roma invece si affaccia dalle parti di De Santis con Montella ma la conclusione debole viene parata con facilità . La spinta bianconera trova coronamento al 75' con il solito Di Natale, forse il migliore dei suoi, abile con un tocco morbido a capitalizzare al meglio un pregevole assit di Pizarro. Uscito Montella per Corvia la Roma non si affaccerà più in maniera pericolosa dalle parti di De Santis. Fino alla fine sarà solo un assolo friulano con Iaquinta, Pizzarro e Di Michele a cercare il goal vittoria ma Curci e la difesa romanista riusciranno a rintuzzare ogni iniziativa mantenendo il risultato acquisito fino al triplice fischio finale dell'arbitro. Da segnalare nel finale un altro esordio in casa Roma: Briotti in campo per Scurto, un altro giovane che per l'ennesima volta ci dimostra come il futuro della Roma abbia almeno solide fondamenta.Alla fine rimane il rammarico per non esser riusciti a mantenere fino alla fine i duplici vantaggi conseguiti, ma...alzi la mano chi alla vigilia non avrebbe firmato per un pareggio !?

Antonio Dir. Delle Site