Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Giovedi 27 Giugno 2019, ore 02:32

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Chiesa , SkSoggetto:Papa Giovanni Paolo II , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Il Papa si affaccia al Gemelli e benedice i fedeli
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Il Papa torna a casa.

Giovanni Paolo II lascia il Gemelli per rientrare in Vaticano in vista delle celebrazioni per la settimana santa.

Id Article:6779 date 13 Marzo 2005

Roma,

Questo pomeriggio, dopo diciotto giorni di degenza in cui ha subito un intervento di tracheotomia, il Papa ha lasciato il policlinico Gemelli per tornare in Vaticano. Il Pontefice, apparso in una discreta forma, ha lasciato il policlinico in una monovolume metallizzata (e non come la volta scorsa con la "papamobile") scortato dalla polizia e dagli agenti della sicurezza e lungo il tragitto ha salutato e benedetto i tanti fedeli che lo hanno voluto salutare dopo la sua uscita dall'ospedale.

Giovanni Paolo II, seduto accanto al guidatore, ha fatto il suo ingresso in Vaticano, attraverso l'arco delle Campane, l"entrata "nobile" della Città del Vaticano da cui di solito transitano capi di stato in visita e membri del corpo diplomatico. Lungo il tragitto Papa Wojtyla, che si teneva con il braccio destro alla maniglia sovrastante lo sportello, ha più volte lasciato la presa per salutare e benedire i fedeli.
Prima di entrare in Vaticano l'auto con a bordo il Papa ha percorso lentamente il tratto di strada che costeggia il colonnato di San Pietro dove le centinaia di fedeli e turisti hanno applaudito lungamente e salutato Giovanni Paolo II, che ha risposto con ripetuti cenni della mano per benedire i presenti.
La sala stampa vaticana ha confermato che è stato il Pontefice a voler anticipare il suo ritorno a casa, dopo che questa mattina ha prima benedetto i fedeli dalla finestra del decimo piano del Gemelli e poi seduto nella sua poltrona, ha iniziato a leggere un breve messaggio ai fedeli raccolti davanti al policlinico e a chi lo ascoltava dal sagrato di piazza San Pietro: ''Carissimi fratelli, buona domenica''.

Nel messaggio letto dall'arcivescovo Leonardo Sandri prima dell'Angelus dal sagrato di piazza San Pietro, Giovanni Paolo II ha ringraziato i mass media. ''Carissimi fratelli e sorelle in questi giorni di degenza ospedaliera qui al Gemelli avverto in modo particolare la presenza e l'attenzione di tanti operatori dei mass media. Oggi desidero rivolgere ad essi una parola di gratitudine perchè so che non senza sacrificio svolgono il loro apprezzato servizio grazie al quale i fedeli,in ogni parte del mondo, possono sentirmi più vicino e accompagnarmi con l'affetto e la preghiera. Molto importante è il ruolo dei mass media nella nostra epoca di comunicazione globale. Grande è pure la responsabilità di quanti operano in questo campo, chiamati a fornire sempre un'informazione puntuale, rispettosa della dignità della persona umana e attenta al bene comune. In questo tempo di Quaresima che invita a nutrirsi più abbondantemente della parola di Dio mi è caro ricordare che è possibile alimentare il proprio spirito anche mediante radio, televisione e internet. Sono grato a coloro che si dedicano a queste nuove forme di evangelizzazione valorizzando i mass media''.

''Preghiamo infine Maria Santissima -ha concluso Wojtyla- perchè ci aiuti a prepararci bene alla settimana santa che comincerà domenica prossima. Spero di vedere numerosi giovani prendere parte, in piazza San Pietro, alla solenne liturgia della domenica delle Palme che idealmente ci proietta verso la giornata mondiale della gioventù, in programma a Colonia in Germania''.

Il Papa è tornato in Vaticano mantenendo la cannula, che gli era stata inserita con l'intervento di tracheotomia lo scorso 24 febbraio. Non si sa ancora per quanto tempo il dispositivo dovrà essere tenuto. E' possibile che possa essere sostituito ogni mese e comunque anche presso i suoi appartamenti il Papa sarà sotto controllo medico 24 ore su 24.



Antonio Dir. Delle Site