Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 19 Marzo 2019, ore 02:52

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Cassano reclama il rigore, dopo aver subito un brutto fallo in area, non concesso da Collina.  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Caduta libera!!!

Cagliari-Roma 3-0 2004-2005 Serie A
Terza sconfitta consecutiva e silenzio stampa per una Roma senza gioco,idee e cuore.

Id Article:6765 date 13 Marzo 2005

Roma,

Doveva essere la partita del rilancio dopo i veleni di Roma-Juventus ed invece, in quel di Cagliari, la Roma ha rimediato una sconfitta pesante e senza appello che lascia poco spazio agli alibi e alle giustificazioni.

Si sapeve che il Cagliari in casa è squadra temibile, in quanto i rossoblu quest"anno al Sant"Elia hanno perso, immeritatamente, solo contro il Milan; quindi era noto che non sarebbe stato facile fare risultato, però si pensava che la rabbia per il furto subito il turno precedente avrebbe rapprersentato un pungolo in più per la formazioni di Del Neri, ma così non è stato.

Assenti gli squalificati Mancini e Mexes e gli infortunati Pelizzoli, Panucci e Tommasi la Roma faceva esordire dal primo minuto il portoghese Abel Xavier e ritrovava in panchina dopo mesi Chivu. Il Cagliari invece schierava l"ex Daniele Conti dietro al tridente composto da Zola, Esposito e Suazo.

A dir il vero la Roma partiva subito con il piglio giusto aggredendo i sardi e mettendoli alle corde: segnatura annullata giustamente a De Rossi per fuorigioco, poi calcio di punizione di Totti fuori di pochissimo, a seguire intervento scomposto di Maltagliati in area cagliaritana su Cassano che recriminava per l"atterramento, episodio su cui l"arbitro Collina sorvolava con eccessiva superficialità , e in fine al 17" De Rossi che concludeva di poco a lato. Per gli uomini di Arrigoni sembrava che la capitolazione potesse arrivare da un momento all"altro ed invece al 23" sulla prima azione offensiva arrivava la rete del vantaggio rossoblu ad opera di Zola, che con una tiro preciso ma alquanto debole, approfittando del posizionamento ridicolo di Zotti, realizzando il goal dell"1 a 0.

La rete tagliava letterarlmente le gambe ai romanisti che da questo momento in poi riusciranno raramente ad impensierire la difesa del Cagliari. I padroni di casa galvanizzati dal vantaggio continuavano a premere sull"acceleratore e anche se Zotti riusciva in parte a rifarsi parando due volte delle violenti conclusioni di Suazo al 36" e al 44", era però costretto a capitolare per la seconda volta al 40" per via di Esposito che, approfittando dello schema a presepe della difesa romanista (tutti fermi in contemplazione mistica),capitalizzava al meglio l"assit di Conti, mettendo il risultato al sicuro.

Prima della fine del primo tempo sacrosanta ammonizione per Dellas che diffidato salterà la sfida di domenica prossima contro il Milan ed infortunio di Zola sostituito da Langella. Nella ripresa Del Neri inseriva Chivu per Dellas spostando Xavier centrale accanto a Ferrari, la mossa si rilevava inutile perchè nemmeno 3 minuti e Suazo, servito da Gobbi, in contropiede siglava la rete del tre a zero chiudendo virtualmente la gara. Dieci minuti dopo a dare la sicurezza di come ormai i giochi fossero chiusi arrivava l"espulzione di De Rossi, per un inutile fallo da dietro su Suazo. Il Cagliari a questo punto tirava i remi in barca limitandosi a controllare la gara e dal canto suo la Roma palesava tutti i suoi limiti di gioco offrendo uno spettacolo penoso e arrivando al tiro solo una volta con Perrotta. L"unico che fino alla fine cercava di salvare almeno la faccia era capitan Totti anche se poi alla fine anche lui veniva risucchiato nel grigiore generale mentre Montella, praticamente assente veniva sostituito al 73" con Cerci. Di Cassano restano solo le proteste per due atterramenti in are che meritavano una maggior attenzione da parte dell"arbitro Collina. Al 90' Collina, senza concedere alcun minuti di recupero, fischiava la fine di una partita già finita da un pezzo.

Quello che preoccupa e che oggi l"impressione sia stata che qualcuno in campo abbia mollato un po troppo presto e forse alla fine il silenzio stampa decretato dalla società potrà giovare a mister Del Neri che assediato dalla stampa (Dante Alighieri diceva "chi è causa del suo mal.....") e sempre più antipatico ai tifosi per le dichiarazioni rilasciate di recente, ha sicuramente bisogno di ritrovare un po di serenità per se stesso ma soprattutto da infondere alla squadra in vista della tirata finale. Con 11 partite e 33 punti si può ancora sperare in quel quarto posto che unitamente alla Coppa Italia rappresenta l"unica chance per salvare una stagione che da mediocre rischia di divenire fallimentare.



Antonio Dir. Delle Site