Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 23 Gennaio 2019, ore 06:29

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
agricola e giraudo vicino ai loro difensori in tribunale durante la lettura della sentenza per il processo sul doping
(Premi per la FOTO Ingrandita)

I parlamentari juventini finiscono nel pallone.

Scomodato Casini per stoppare una interpellanza parlamentare pro-Juventus senza il minimo fondamento costituzionale.

Id Article:6579 date 4 Marzo 2005

Roma, La goliardia non è morta, sempre che di azione goliardica si tratti. Ieri si è assistito ad un evento di natura eccezionale per il mondo politico italiano: maggioranza ed opposizione, regolarmente in disaccordo su tutto, sono riuscite a mettere da parte rancori e recriminazioni, il tutto grazie ad un gruppo di solerti parlamentari di differente colorazione politica che hanno sottoscritto congiuntamente un'interrogazione parlamentare per chiedere al ministro della Giustizia Roberto Castelli di procedere alle opportune verifiche sul comportamento del pubblico ministero, del perito d'ufficio e dei magistrati giudicanti nel processo in cui è stato condannato il medico sociale della Juventus, Riccardo Agricola. L'iniziativa bipartisan è stata presa da Maurizio Paniz (Forza Italia) e Salvatore Buglio (Ds), ma ad essa hanno aderito deputati di tutti i gruppi, dalla Lega Nord ai Comunisti Italiani, dai Democratici di Sinistra ad Alleanza Nazionale, da Forza Italia alla Margherita. I deputati sempre nello stesso documento chiedevano al ministro vigilante per lo sport, Giuliano Urbani, un intervento rivolto a bloccare l'eventuale istruttoria che la Figc e Coni potrebbero aprire per revocare i titoli sportivi della Juventus. Dopo una breve indagine, con grande sorpresa di tutti, è emerso che quasi tutti i firmatari sono membri del 'Juventus club Montecitorio'.Immediate le reazioni. Ironica la risposta del ministro Castelli: 'Lasciamo perdere, sono milanista'. Taglia corto il diessino Luciano Violante: 'E' un'iniziativa che non merita alcun commento e che non avrà alcun seguito'. Indignato Roberto Giachetti, deputato della Margherita: 'Una volta si diceva di certi arbitri, che sotto la divisa indossassero mutande bianconere. Spero che lo stesso tipo di sudditanza psicologica non coinvolga anche i banchi di Montecitorio'. Sulla stessa lunghezza d'onda il verde Paolo Cento:'Iniziativa vergognosa. Compito della politica è quello di battersi per un calcio pulito e libero dal doping e non di bloccare le indagini e i processi nei confronti di chi è accusato di doping'- Simile anche il commento di Rizzo dei Comunisti Italiani:'E' inaccettabile che la politica tenti di fare pressioni sul lavoro della magistratura'.A mettere fine alla querelle ci ha pensato il Presidente della Camera.' - Il presidente della Camera Pier Ferdinando Casini - si legge in una nota ufficiale - ha dichiarato inammissibili le interrogazioni presentate dall'onorevole Paniz e altri in relazione alle vicende giudiziarie che hanno coinvolto il medico sportivo della Juventus. Entrambi gli atti,infatti, non rientrano nella competenza e nella responsabilità del Governo. La prima interrogazione - prosegue il comunicato -, rivolta alministro della Giustizia, attiene infatti all'ambito di autonomia della magistratura, riguardando il contenuto di pronunce giudiziarie. La seconda, rivolta al ministro per i Beni e le Attività culturali, relativa a possibili iniziative del Coni e della Figc, concerne l'esclusivo ambito di autonomia dell'ordinamento sportivo'.


Intanto si apprende dal sito del quotidiano La Repubblica che il popolo di internet si sta mobilitando con l'intenzione di spedire una sorta di appello via mail da inviare ai promotori dell'iniziativa di cui riportiamo il testo:

'Cari onorevoli, dopo la vostra interrogazione pro-Juventus mi chiedo come possa un deputato dello Stato occupare il proprio tempo perorando indefinibili iniziative di interesse personale. Mi chiedo come possa un deputato dello Stato chiedere un intervento del ministro della Giustizia su una questione del genere, ancora una volta assolutamente ludica e personale. Mi chiedo come possa un deputato perorare un intervento sulla magistratura su un processo ancora in corso, in totale assenza di elementi tali da poter configurare un illecito disciplinare da parte dell'organo giudicante o di quello inquirente'.

Chissa se qualcuno si degnerà mai di dare una risposta ai cittadini che in fondo poi sono quelli che con le tasse pagano lo stipendio agli onorevoli.



Antonio Dir. Delle Site