Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Sabato 16 Febbraio 2019, ore 23:32

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 1747 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 13 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Id Article:644 date 23 Febbraio 2003

Roma, Ennesima prestazione deludente per una Roma scialba e inconcludente. La squadra che macinava gioco e che creava almeno 20 azioni da rete in una sola partita è ormai un ricordo del passato.
Oggi la Roma tira in porta con il contagoccie, subisce tre tiri e becca due goal, ma sopratutto non ha più il carattere che gli permetteva di reagire nei momenti di difficoltà.
Ormai la Roma giochicchia e nemmeno fino alla fine dei 90 minuti. Decisamente irritante è poi ammirare l'alternanza tra gente che sembra avere la colla sugli scarpini e quindi sembra incapace di passare, e gente che non riesce a fare un appoggio di prima. Chi subentra dalla panchina è ancora più inconcludente di chi va a farsi la doccia; i nuovi acquisti fanno già cilecca: Dacourt si sta spegnendo e Marazzina sembra la fotocopia di Batistuta.
Nel finale poi si assiste all'apoteosi della stupidità con Zebinà che macchia una prova discreta con un evitabilissimo secondo cartellino giallo che vale l'espulzione,e con Cassano che per un paio di scemenze...per poco non riesce a collezionare un rosso che difficilmente avrebbe fatto gridare allo scandalo arbitrale.
Un lampo di Montella e un colpo di testa di Lima, questo è quanto la Roma è riuscita a produrre in avanti.
Dal canto suo l'Udinese non è che sia poi questo squadrone, si fanno notare per impegno e grinta i soliti ex-laziali Sensini, Pinzi e Muzzi ma siamo ben lontani dalla prestazione che ha visto la squadra di Spalletti dominare il Milan.
Capello a fine gara era furente di rabbia per come aveva giocato la squadra, per non parlare dei tifosi allo stadio o davanti alla televisione.
E' tempo ormai che qualcuno molto in alto si faccia sentire, convochi a rapporto tecnico e giocatori, e costringa tutti a fare il massimo per salvare questa ultima parte della stagione.



Antonio Dir. Delle Site