Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Giovedi 27 Giugno 2019, ore 02:07

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Claudio Caniggia, ex giocatore della Roma, con uno smagliante sorriso
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Caniggia abbandona il calcio.

A 38 anni l'ex attaccante della nazionale argentina e della Roma decide di chiudere con l'attivita' agonistica.

Id Article:6294 date 20 Febbraio 2005

Roma, Claudio Paul Caniggia ex giocatore di Verona, Atalanta e Roma ha annunciato ieri ai microfoni di una radio argentina (Radio de La Plata), di aver deciso di abbandonare il calcio giocato. Soprannominato El Pajaro (l'uccello) ha dichiarato di conservare bellissimi ricordi della sua carriera in quanto ha avuto modo di giocare con il giocatore migliore di tutti i tempi: Diego Armando Maradona.'Sto ancora bene fisicamente e mi alleno tutti i giorni però ho deciso di non giocare più a calcio" questo il suo commento.La sua carriera calcistica: dopo aver giocato 3 stagioni ad alto livello nel River Plate (dal 1985 al 1988), venne acquistato prima dal Verona dove rimase una stagione (1988/1989 siglando 3 gol) e per poi approdare all'Atalanta (dal 1989/1990 al 1991/1992) dove si fece notare per la sua velocità , deliziando le platee italiana con i suoi colpi di genio (26 reti). Fu sua la rete che permise all'Argentina ai mondiali del 1990 di pareggiare e poi vincere ai calci di rigore la semifinale con un Italia che sembrava lanciata alla conquista del suo quarto titolo mondiale. Nella stagione 1992/1993 approdò alla Roma insieme a Sinisa Mihajlovic, i due arrivarono nella Capitale come veri e propri colpi di mercato. Il neo presidente di allora Giuseppe Ciarrapico re delle acque minerali che aveva raccolto l'eredità di Dino Viola alla presidenza della Roma, li aveva portati in giallorosso alimentando i sogni di grandezza e di pronto rilancio della Roma. L'argentino veniva da stagioni sfolgoranti e si era imposto come uno dei protagonisti del campionato italiano, diventando tra le altre cose grande amico di Maradona nella nazionale argentina. Vujadin Boskov, l'allora allenatore della Roma,e tutto il popolo giallorosso si accorsero ben presto che Caniggia aveva perso smalto ed ispirazione e presto l'attaccante finì tra le riserve.Pochi i lampi tra cui il goal del pareggio con l'Inter a San Siro, la prima rete in Brescia-Roma 0-2 del 28 marzo 1993 (la gara dove esordì Totti) e la rete del 2 a 0 realizzata nella semifinale di andata all'Olimpico contro il Milan stellare di Capello, Baresi, Papin e Van Basten. La stagione seguente, concluse la sua avventura romana con una brutta squalifica a causa della sua positività ad un controllo antidoping dove verranno riscontrate nelle sue urine tracce di cocaina.Tornato in Argentina dopo un anno in Portogallo al Benfica, Caniggia ritroverà se stesso ed un buon rendimento, finendo per tornare in nazionale e persino all'Atalanta nel 1999. Non sarà però una avventura felice come quella dei primi anni novanta: 17 presenze ed una sola rete. Iniziò così la parentesi scozzese, prima il Dundee e poi il Glasgow Rangers per poi finire nel Doha in Qatar, nello stesso campionato di Batistuta, Effenberg, Basler, Frank Leboeuf, Hierro e Guardiola. Ingloriosa anche l'ultima apparizione ai mondiali di Corea e Giappone dove Caniggia riuscì a farsi espellere direttamente dalla panchina, per aver rivolto frasi irriguardose nei confronti dell'arbitro durante la partita con l'Inghilterra. Di recente alcune voci lo avevano dato in procinto di tornare in Argentina al San Lorenzo ma non se ne è fatto più nulla e probabilmente è stato proprio questo che ha fatto maturare al biondo centravanti 38 enne di Henderson, la decisione di appendere gli scarpini al chiodo.

Antonio Dir. Delle Site