Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 20 Marzo 2019, ore 22:29

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 1747 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 13 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

La Roma vince ma non convince

Roma-Como 2-1 2002-2003 Serie A

Id Article:529 date 6 Novembre 2002

Roma, Nel giorno in cui il popolo giallorosso tributa l'ultimo saluto allo sfortunato Gianluca Signorini, indimenticato perno della difesa romanista di alcuni anni fa, stroncato da una male incurabile a soli 42 anni,la Roma batte il Como con una prestazione che di sicuro non sarà ricordata negli annali..... Problemi di formazione per la Roma: al sicuro forfait di Batistita si aggiunge quello annunciato di Montella. Alla vigilia dell'incontro Capello lo aveva detto, alcuni giocatori hanno bisogno di riposare e altri di ritrovare il ritmo partita, quindi in campo dal primo minuto vanno Dellas, Sartor e Guardiola con Delvecchio punta centrale come ai tempi di Zeman e il figliol prodigo Cassano in panchina. L'impressione è che la voglia di giocare la partita non sia poi così tanta e difatti nei primi minuti è il solo Totti a cercare la rete su punizione. Al 19' un imperdonabile retropassaggio di Tomas (Lima e Zebina hanno fatto buona scuola) libera solo davanti a Ferron Delvecchio, abile a realizzare con un pregevole tocco di esterno la rete del vataggio. Da questo episodio fino alla fine del primo tempo succede poco o nulla, tranne una serie di interventi da codice penale che costringono Capello a sostituire un fallosissimo Dellas con Zebinà (capace di farsi ammonire per un fallo inutile in attacco dopo nemmeno un minuto), nel tentativo di evitare un cartellino rosso che sembrava nell'aria e che avrebbe costretto la Roma a giocare tutta la ripresa in inferiorità numerica, come domenica scorsa. Il secondo tempo comincia con ben altro spirito, la Roma spinge subito sull'acceleratore e nel giro di 5 minuti prima arriva il raddoppio su pregevole pallonetto del solito immenso Totti e subito dopo Emerson sfiora...il goal dell'anno con una altro pallonetto alto di poco. A questo punto mentre la Roma cerca di addormentare la partita,è il Como, senza ormai nulla da perdere, a rendersi sempre più insidioso, arrivando a sfiorare la rete con Padalino che a due passi dalla porta del bravo Pellizzoli riesce a spedire incredibilmente fuori. Dopo tanti sbadigli, ad un quarto d'ora dalla fine,su improvviso capovolgimento di fronte Emerson colpisce la traversa, e nemmeno un minuto dopo il Como con Godeas dimezza lo svantaggio. Per la dinamica la rete sembra la stessa subita dalla Roma lo scorso anno in Champions in casa del Barcellona: questa volta però a fare la figura del tordo è Panucci, beffato dall'astuto Carbone abile a servire un assist d'oro all'ex messinese alla sua prima segnatura in A. Capello oltremodo contrariato dalla rete regalata diventa furente con l'allegra difesa romanista specie quando a salvare il risultato ci pensa Pellizzoli su tiro di Benin. Fortuna che ormai manca poco, e infatti di li a poco arriverà il fischio finale del sig. Bolognino autore di una prestazione composta più da bassi che da alti. La Roma conquista i tre punti ma le uniche note positive restano le prestazioni di Emerson e del capitano Francesco Totti che pur avendo subito un inizio di stagione travagliato sembra essersi ripreso nel migliore dei modi. Per il resto ci aspettiamo tempi migliori nella speranza che la prestazione di Madrid non sia stata un evento casuale.

Antonio Dir. Delle Site