Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 25 Marzo 2019, ore 10:44

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
mancini esulta al termine della partita
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Roma corsara a Brescia.

Brescia-Roma 0-1 2004-2005 Serie A
Mareco ci regala un rigore a tempo scaduto e la Roma vince.

Id Article:5212 date 12 Dicembre 2004

Roma, Anche se oggi la Roma ritorna dalla trasferta di Brescia con tre punti, il risultato lo si deve soprattutto ad un regalo da parte del povero Mareco, difensore delle rondinelle, che al 47' del secondo tempo vistosi superato da un cross di Aquilani, per evitare che Mido colpisse di testa, effettuava un intervento da pallavolista in piena area di rigore allontanando con la mano il pallone. Rigore, senza nemmeno proteste, fischiato dall'arbitro Dondarini e penalty realizzato da Amantino Mancini, oggi autore di una prestazione confortante.Se non ci fosse stato questo infortunio dovuto a quel gesto instintivo, probabilmente causato dalla stanchezza (a me personalmente torna alla memoria il mani di Lanna che consentì alla Lazio di vincere un derby qualche anno fa), la partita sarebbe finita con uno scialbo 0 a 0; risultato che forse per quello che si era visto sul campo sarebbe stato...il più giusto. I progressi della Roma sul piano del gioco e della manovra sono in costante crescita ma di strada da fare ce ne è ancora tanta come del resto ha ammesso il mister a fine gara. Dovendo rinunciare in partenza a Tommasi, Chivu, Pelizzoli, Dacourt, Candela e Dellas e allo squalificato Totti, Del Neri si affidava all'estro di Cassano in condizioni non ottimali dato che per tutta la settimana non si era allenato, affiancato da Mancini e Montella. Dopo mezzora poi si faceva male anche Perrotta che veniva sostituito da D'Agostino, autore sicuramente di una prova pressocchè impalpabile.De Biasi invece non aveva problemi di formazione e si affidava al collaudato 4-4-2 con Caracciolo e Sculli di punta e con l'ex Di Biagio a fare il centrale davanti alla difesa.Entrambe le squadre si affrontavano a viso aperto e con un buon ritmo rendendo abbastanza piacevole la gara. Nel primo tempo la Roma andava vicino alla rete del vantaggio in almeno tre occasioni: due di Cassano e una da parte di Montella,ma problemi di mira e il portiere Castellazzi contribuivano a fissare il risultato sul pari. Il Brescia che nella prima parte della gara aveva tirato una sola volta verso la porta difesa da Zotti,con Guana nella ripresa si piazzava nella metà campo romanista e sfiorava la rete del vantaggio con Milanetto, Schopp e Martinez. A questo punto Del Neri sostituiva Montella con Corvia e il giovane attaccante al 73' ben imbeccato da Cassano, solo davanti al portiere Castellazzi, sparacchiava fuori. Complice la stanchezza e la temperatura che con il passare dei minuti continuava ad abbassarsi, si arrivava senza troppi sussulti ai minuti di recupero, e quando ormai il pareggio sembrava il risultato finale ecco l'episodio del rigore che permetteva alla Roma di portarsi a quota 20 e al sesto posto in classifica in condominio con il Chievo. Adesso prima della pausa di Natale ci sarà la sfida casalinga con il Parma, avversario non facile ma che sta attraversando un periodo non certo brillante. La speranza è che questa volta davanti al pubblico amico arrivi un bel regalo per trascorrere serenamente le imminenti festività.

Antonio Dir. Delle Site