Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 20 Marzo 2019, ore 22:24

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Addio all'Europa!

Dinamo Kiev-Roma 2-0 2004-2005 Champions League
Non basta giocare bene per 3/4 di gara per uscire indenni da Kiev.

Id Article:4933 date 23 Novembre 2004

Roma,

Nel freddo polare di Kiev la Roma subisce la quarta sconfitta consecutiva tra Campionato e coppe varie.

Oltre alle tante assenze (Zotti, Mexes, Chivu, Panucci, De Rossi, Dacourt, Tommasi, Delvecchio, Mancini, Montella e Totti), la compagine di Del Neri ha dovuto confrontarsi con il ben noto 'Generale Inverno', ovvero campo ghiacciato, abbondante nevicata e temperatura sotto lo zero; clima diametralmente opposto rispetto all'arroventata situazione politica che attualmente sta vivendo l'Ucraina per via delle contestazioni derivanti dal risultato delle recenti consultazioni elettorali. Nonostante tutto però la partita si è disputata come da programma, con la Roma schierata con un insolito 4-3-3 con Mido, Corvia e Cassano a gestire l'azione offensiva.

Per tutto il primo tempo la Roma ha tenuto il campo abbastanza bene, con grinta e sagacia tattica imbrigliando gli ucraini, ma allo stesso tempo senza mai rendersi pericolosa dalle parti del portiere Shovkovskiy.

Cassano reattivo, centrocampo combattivo, difesa attenta, sembrava quasi di assistere ad una piccola positiva inversione di tendenza rispetto alle recenti uscite.

Nella ripresa veniva schierato D'Agostino per Mido ma la sostanza restava in gran parte immutata. La Dynamo Kiev con il passare dei minuti diveniva sempre più aggressiva ma i giallorossi sembravano in grado di reggere l'urto e di poter condurre in porto un risultato positivo che comunque avrebbe significato poco o nulla per le sorti finali del girone.

Al 61' e al 62' Pelizzoli con due parate spettacolari salvava il risultato e sembrava dare la carica giusta per reggere fino alla fine. Peccato per l'autorete di Dellas che al 73' faceva saltare tutti i piani e metteva la Dynamo nella condizione di poter condurre a suo piacimento le sorti dell'incontro,anche con maggior serenità. La Roma tentava di reagire ma a pochi minuti dal termine il giovane difensore Scurto veniva espulso per doppia ammonizione. Sotto la neve e in inferiorità numerica la Dynamo colpiva per la seconda volta con Shatshih all' 81' chiudendo definitivamente la gara, e per i giallorossi la matematica certezza di aver perso la possibilità di qualificazione in Coppa Uefa.

Il risultato è sicuramente troppo severo e la buona prestazione per almeno un ora di gioco lascia ben sperare per il futuro. Adesso però l'imperativo è ricominciare a fare punti già dal prossimo impegno di campionato, sabato prossimo a Siena, perchè la classifica deficitaria non ammette altri passi falsi.



Antonio Dir. Delle Site