Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Giovedi 20 Giugno 2019, ore 01:37

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Cronaca di una sconfitta annunciata.

Roma-Perugia 1-3 2003-2004 Serie A

Id Article:2557 date 9 Maggio 2004

Roma, Uno spettacolo già visto, un finale già scritto.
Nessuna sorpresa per la sconfitta rimediata contro il Perugia, visto che le premesse per un risultato del genere c'erano tutte.
Matematicamente seconda e senza altri obiettivi da perseguire se non quello di far arrivare Totti a quota cento reti e magari sperare di soffiare a Shevchenko la palma di capocannoniere del campionato, la Roma si presentava a questa terza 'forzata' trasferta palermitana priva di Chivu e Montella e con Zotti, Dellas e D'Agostino in campo dal primo minuto.
Cosmi, a cui i tre punti servono come il pane per sperare di agguntare all'ultimo secondo il treno degli spareggi salvezza, assente Hubner infortunato, schierava in campo Bothroyd accanto a Ravanelli, con l'ex Di Francesco a sostegno.
La Roma partiva subito forte e già al secondo minuto Totti andava in rete su triangolazione con Cassano, ma Bolognino annullava giustamente per fuorigioco comunque millimetrico.
Immediata la replica degli umbri con Zotti che deviava in angolo il piattone di Di Francesco appena entrato in area.
Al 13' erano i giallorossi ad andare in rete con una spettacolare azione avviata da Dacourt: delizioso colpo volante di tacco di Totti per Cassano, slalom del talento barese che prima metteva a sedere Coly e il portiere Kalac e poi deponeva in rete con un tocco morbido.
Il vantaggio paradossalmente faceva più male alla Roma che al Perugia, che subito si tuffava in avanti nel tentativo di sovvertire le sorti della gara.
In quattro minuti ci pensava quindi Ze Maria a ribaltare il punteggio, siglando la prima rete al 18' su calcio di punizione ad effetto a beffare un 'imbarazzante' Zotti e facendo il bis al 22' su calcio di rigore concesso un pò troppo generosamente dall'arbitro per fallo di Panucci su Fresi.
Nella Roma l'unico che cercava di reagire era il solo Totti che su calcio di punizione sfiorava la rete numero 99 con la maglia giallorossa...ma a mettere i brividi era vecchio 'Penna Bianca' Ravanelli che colpiva il palo su calcio di punizione. Nella ripresa la partita si faceva ancora più noiosa e,forse complice il grande caldo, si aveva l'impressione che alla Roma qualcuno stesse pensando più alla tintarella che alla partita. Il Perugia invece, galvanizzato dai risultati positivi provenienti dagli altri campi teneva solidamente in mano le redini della gara contenendo le velleità del solo Totti, l'unico nel secondo tempo a tirare verso la porta umbra.
Nel finale arrivava addirittura la meritata terza rete ad opera di Ravanelli che si beveva Panucci e concludeva angolando il tiro sul quale l'intervento da subbuteo di Zotti risultava assolutamente ininfluente !
Sarà stato pure che la Roma volesse fare un favore all'amico(??!!) Gaucci, saranno stati gli stimoli che sono venuti meno, sarenno state le voci di mercato o il clima da spiaggia della Favorita...ogni scusa può essere buona. Resta il fatto che la Roma ha giocato solo 15 minuti e poi ha spento la luce e la cosa ricorda molto il finale di stagione dello scorso anno dove la voglia di onorare la maglia ormai era andata in vacanza da un pezzo, con...somma gioia di quei fedelissimi che si sono sobbarcati l'ennesima trasferta in terra sicula nella speranza di assistere a tutt'altro spettacolo.


Antonio Dir. Delle Site