Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 22 Gennaio 2019, ore 16:15

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 1747 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 13 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Un vittoria voluta a tutti i costi.

Roma-Inter 4-1 2003-2004 Serie A

Id Article:2366 date 8 Marzo 2004

Roma, Questa sera la Roma ha dimostrato di essere in grado di battere più avversari contemporaneamente: di essere in grado di rifilare 4 reti "reali" e 3 "virtuali" all'Inter che le ha tentate tutte per uscire indenne dall'Olimpico, ma anche di essere più forti delle sviste di arbitro e guardalinee, che prima di concedere una rete ne hanno annullate tre regolari.
Era dai tempi di Mazzone e Fonseca che l'intero Olimpico non dedicava 5 minuti di abbondanti fischi assordanti alla terna arbitrale, che sicuramente questa sera in più occasioni ha mostrato scarsa lucidità nel prendere alcune decisioni topiche.
Assenti Chivu e Montella per la Roma; Coco, Almeyda, Gamarra, Emre e gli squalificati Kallon, Materazzi, Stankovic e Recoba per l'Inter, entrambi i tecnici sembrano schierare formazioni dal modulo tattico speculare, dove per capirsi, alla premiata ditta Totti & Cassano rispondeva il duo Vieri-Adriano.
Che la partita avrebbe riservato parecchie emozioni lo si era capito dai primi minuti con la rete annulllata per fuorigioco inesistente ad Emerson al 5' e la replica immediata dell'Inter che due minuti dopo colpiva il palo con Adriano.
Alla lunga però l'elastico 4-4-2 di Capello sembrava fornire garanzie superiori rispetto a quello di Zaccheroni, che con il passare dei minuti sembrava accusare sempre più l'intraprendenza dei giallorossi.
Dopo due occasioni sprecate rispettivamente da Cassano e Totti con delle conclusioni deboli verso la porta difesa da Toldo, ecco sul finale di tempo altre due reti annullate ai romanisti (non senza qualche dubbio), la prima di Totti su segnalazione del guardalinee e la seconda di Samuel direttamente dall'arbitro Rosetti.
Visto l'andazzo, tutti si aspettavano la chiusura della prima frazione di gioco a reti inviolate ed invece proprio al 44' un delizioso pallonetto di Cassano imbeccato da Totti regalava alla Roma il meritato vantaggio.
Nella ripresa l'Inter sembrava voler abbozzare una certa reazione ma al 62' arrivava il raddoppio ad opera di Mancini,autore di una sgroppata spettacolare conclusa con una rete strepitosa. Sul doppio vantaggio gli uomini di Capello si adagiavano un pò troppo sugli allori consentendo ai neroazzurri di riorganizzare le idee e, grazie anche agli inserimenti di Martins e Karagounis, di farsi nuovamente sotto. Così la pressione esercitata dal 66' al 72' portava alla rete di Vieri che riapriva di fatto la gara.
Paradossalmente però a questo punto era l'inter a sparire, mentre a reagire erano i romanisti che sempre con il solito Cassano quasi allo scadere dei minuti regolamentari riuscivano a conquistare un sacrosanto rigore che Totti realizzava chiudendo definitivamente la gara.
Prima del triplice fischio c'era ancora tempo nei minuti di recupero per la doppietta (la prima in giallorosso) realizzata da Mancini, ottimamente servito dall'ennesima magìa di Antonio Cassano, autore di una prestazione eccezzionale come del resto tutta la squadra (anche se questa sera una menzione speciale va fatta soprattutto a Zebina, Dacourt, Lima e un redivivo Candela autori di prove perfette e senza sbavature).
A fine gara un Capello visibilmente soddisfatto ribadiva il concetto che la Roma ha il dovere di credere fino alla fine di poter riagganciare il Milan e di approfittare di ogni possibile rallentamento dei rossoneri. Se poi tale calo non ci dovesse essere allora complimenti al Milan, ma di partite ce ne sono ancora diverse incluso il big match di domenica prossima dove Juventus e Milan si scontreranno, mentre la Roma sarà attesa in quel di Reggio Calabria, quindi parlare di giochi conclusi è ancora troppo presto.
Adesso però è già tempo di mettere da parte ogni considerazione perchè giovedì si gioca l'andata degli ottavi di coppa Uefa e la trasferta in Spagna contro il Villareal non si presenta certo delle più agevoli.


Antonio Dir. Delle Site