Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 20 Marzo 2019, ore 22:40

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 1747 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 13 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Un pareggio da mordersi le mani.

Ancona-Roma 0-0 2003-2004 Serie A

Id Article:2292 date 20 Febbraio 2004

Roma,

Nella domenica in cui i giallorossi del salento (leggi Lecce) riescono a strappare un pareggio al Milan capolista, la Roma inciampa contro l'ultima della classe ottenendo solo una striminsito pareggio che lascia invarito il distacco dalla vetta di -5 e che permette alla Juve di rifarsi sotto nuovamente. Dopo l'esaltante vittoria contro i bianconeri tutto ci si aspettava ma non una prestazione scialba e senza mordente contro una formazione che ha perso praticamente con tutti, che è al suo terzo cambio di allenatore stagionale e che con il mercato di riparazione di settembre ha praticamente rivoluzionato la rosa.

Galeone a fine partita dirà di essersi ispiorato al Real Madrid ma la verità è che oggi la Roma più che per merito dell'avversario è incappatta nella classica "giornata nera". 

Per tutti i novanta minuti, recupero incluso, i marchigiani non hanno mai effettuato un tiro in porta e sicuramente domani su tutti i giornali sarà difficile trovare un voto a Pelizzoli se non il classico 6 di stima o il più probabilòe N.G.

Straordinari invece per il suo collega Marcon,acclamato dalla curva biancorossa a fine gara per aver salvato in più occasioni il risultato.

Alla memoria è tornato alla mente l'anno del secondo posto ad un punto dalla prima, dove i pareggi di Venezia, Lecce e Brescia (solo per citarne alcuni tra i più eclatanti) alla fine si dimostrarono fatali per la vittoria finale.

Ma quello che oggi è venuta meno è proprio la squadra nei suoi elemnti di maggior spessore. Dopo il palo di Cassano in avvio e l'occasione d'oro gettata alle ortiche di Dellas la Roma si è andata lentamente spegnendosi arrivando al tiro solo su calcio piazzato di Totti su cui Marcon si esibiva nella parata della vita.

Ininfluenti i cambi della ripresa e sopratutto l'innesto di Carew subito risucchiato nella mediocrita generale.

Possiamo quindi ben immaginare la delusione dei tifosi e la preoccupazione per un involuzione così radicale sia nel gioco che nel carattere in solo una settimana.

Il Campionato entra nel vivo ma la Roma si deve dare una bella svegliata se no il Milan non lo si ripiglia più.   



Antonio Dir. Delle Site