Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 25 Marzo 2019, ore 10:47

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Mercato estivo all’insegna della difesa

Tutte le operazioni di mercato della Roma in entrata e in uscita

Id Article:21811 date 1 Settembre 2016

Roma, Questa campagna acquisti è stata fortemente condizionata da due aspetti: da un lato l'addio di Miralem Pjanic, che è andato a rinforzare una diretta concorrente come la Juventus (già imbattibile negli ultimi anni), e d'altro canto l'esigenza più volte ribadita di rinforzare il reparto arretrato e di donare stabilità, e maggiori alternative, alla difesa a disposizione di Luciano Spalletti.

La Roma questa volta (diversamente dagli ultimi anni), ha dato il meglio di sé, in entrata, nel reparto arretrato: sono arrivati Mario Rui, Juan Jesus, Fazio, Vermaelen e Bruno Peres, senza citare il ritorno di Wojciech Szczesny in porta, un ritorno pubblicizzato e desiderato da Spalletti in persona oltre che dal portiere polacco. A giocarsi il posto con Szczesny è arrivato Alisson, dal Brasile, mentre il suo connazionale Gerson sarà chiamato ad ambientarsi al meglio in Italia ed a mostrare le sue qualità come trequartista. Come detto,la retroguardia è stata rivoluzionata e rinforzata in profondità: Mario Rui, Fazio, Vermaelen e Bruno Peres, sogno di lungo corso, potrebbero andare a comporre una linea difensiva totalmente nuova.

La cessione più dolorosa è stata quella che ha visto passare Miralem Pjanic alla Juventus, una cessione pesante sia per le qualità del giocatore che per la destinazione del trasferimento, certo poco gradita alla piazza giallorossa. Spalletti ha deciso inoltre di non puntare su Iago Falque e su Ljajic, dati i riscatti di Salah ed El Shaarawy, e il Torino ne ha prontamente approfittato andando ad aumentare la qualità del proprio reparto avanzato. Spalletti avrebbe trattenuto volentieri Digne, ma il riscatto non è stato possibile, mentre sono andati via senza particolari rimpianti Torosidis, Maicon, Keita e Doumbia, ormai fuori dal progetto.

Antonio Dir. Delle Site