Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 19 Marzo 2019, ore 03:03

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
La rete 176 siglata da Totti  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma si salva a Cagliari

Sotto di due reti i giallorossi riescono a mantenere i nervi saldi e a rimontare concludendo la gara in parità

Id Article:21478 date 10 Maggio 2009

Roma, La Roma si salva a Cagliari e forse per la prima volta nella stagione dimostra di saper uscire da una situazione difficile senza perdere la testa. 

Sono stati ritrovati cuore, orgoglio e la dovuta lucidità per risalire la china quando le avversità ci mettono lo zampino ma nulla sembra poter invertire il trend in difesa (54 reti al passivo come il Torino e quart'ultima difesa del campionato) dove anche oggi si sono incassati reti assurde come la prima siglata da Matri (che infortunato da qualche minuto prima della sostituzione nonostante giocasse da fermo aveva tempo e modo di realizzare una gran rete di testa), per non parlare della seconda dove è accaduto di tutto di più, con i difensori della Roma a spasso per il campo in maniera imbarazzante e Acquafresca ad insaccare a porta vuota senza nessuno pronto a contrastarlo. 

La Roma aveva iniziato bene la gara sfiorando più volte il vantaggio con Totti, Cassetti e Brighi ma seppur apparente padrona del centrocampo alla squadra di Sapletti sembrava mancare della giusta cattiveria e con il passare dei minuti anche la condizione fisica sembrava scemare. Al 34' come detto arrivava la rete del vantaggio degli isolani alla prima vera conclusione verso la porta di Artur. 

Nella ripresa la Roma più del Cagliari sembrava soffrire la freschezza degli uomini di Allegri e nonostante la buona volontà subiva la seconda rete ad opera di Acquafredda che sembrava incanalare la partita su determinati binari come spesso accaduto questa stagione. 

La Roma però aveva il merito di non perdere la testa, di non disunirsi e di insistere nella sua azione e così al 18 Capitan Totti approfittando di un assist involontario della difesa rossoblu dribblava tutti e insaccava di sinistro la rete numero 176. Immediatamente Spalletti intuiva che era ora di levare un po di gente in debito di ossigeno (avendo solo due cambi in quanto il primo aveva riguardato Motta chiamato a sostituire un Tonetto decotto al punto giusto sul finire del primo tempo),quindi decideva di sostituire gli inconsistenti Taddei e Vucinic con Perrotta e Montella. I due neo-entrati davano subito il loro contributo in termini di dinamicità e combattività e i risultati arrivavano nel giro di un paio di minuti. Prima Marchetti si superava su un calcio di punizione di De Rossi e sulla respinta Montella metteva dentro, ma il guardalinee annullava per un fuorigioco più che dubbio. Un minuto dopo Perrotta con un tiro di inusitata potenza siglava il pari con annesse polemiche dei cagliaritani che nell'azione della rete lamentavano un loro giocatore a terra. Protesta alquanto pretestuosa visto che il calciatore Cossu, essendosi fatto male da solo, ci metteva un pò prima di sdraiarsi al suolo e il Cagliari, in possesso palla in quel frangente, non reputava necessario buttare fuori la sfera che poi veniva riconquistata dalla Roma che completava l'azione pervenendo al pareggio.
Inevitabili le polemiche con Daniele Conti e Totti che venivano quasi alle mani e si beccavano entrambi un sacrosanto cartellina giallo. Fortunatamente a fina gara era Bruno Conti a portare il sereno tra entrambi gli schieramenti e a minimizzare l'accaduto. 

Prima del fischio finale entrambe le squadre sfioravano la rete del possibile successo ma nelle occasioni specifiche erano bravi i due estremi difensori che, facendo buona guardia, contribuivano in modo determinante alla fine della partite con un risultato di parità. 

Con il pari odierno la Roma può matematicamente dire addio alla corsa Champions (ma questo ormai era un dato che anche il più sfegatato tifoso data per assodato) e resta in piena bagarre per il sesto posto che vuol dire turno preliminare di coppa Uefa il prossimo 30 luglio e quindi soldi in termini di diritti televisivi da poter rinvestire sul prossimo calcio-mercato. 

A tre giornate dalla fine la corsa però è quanto mai complicata: ci sono Palermo, Cagliari ed Udinese che sono tutti racchiuse in quattro punti.


Antonio Dir. Delle Site