Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 20 Marzo 2019, ore 11:08

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Rosella Sensi e la Gea  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Roma: i retroscena dell'annullamento del ritiro

Svelati i particolari che hanno portato alla sospensione del ritiro punitivo stabilito dopo la sconfitta con la Fiorentina

Id Article:21472 date 2 Maggio 2009

Roma, Il ritiro punitivo a Trigoria ordinato dalla Presidentessa Rosella Sensi a seguito della debacle subita in quel di Firenze e che sarebbe dovuto durare tutta la settimana, mercoledì scorso è stato di fatto sospeso. I retroscena ce li racconta “la Gazzetta dello Sport”. Spalletti è sempre stato contrario a tale pratica in quanto a suo dire è uno di quei casi in cui la cura è peggiore del male.
Il dissenso dei giocatori, che serpeggiava già da lunedì, ha preso corpo martedì dopo l'incontro con una delegazione di tifosi (che dopo aver parlato con i giocatori hanno comunque deciso che domenica lasceranno vuota la curva sud almeno per i primi 15 minuti in segno di protesta) e mercoledì si è concretizzata con la richiesta di Totti e De Rossi rivolta al direttore tecnico Conti e al direttore sportivo Pradè di poter incontrare la presidentessa. Mercoledì all'ora di pranzo, il colloquio con Rosella Sensi (che pare non abbia gradito tale ingerenza ma abbia deciso di fare buon viso a cattivo gioco) e al termine la decisione che interrompeva il ritiro.

A far cambiare idea alla Sensi sembra sia stata la compattezza dei giocatori della Roma: leader anziani (Montella e Panucci) e meno anziani (Mexes),capitano del presente (Totti) e del futuro (De Rossi), stranieri (Baptista e Riise), "attivisti" del sindacato (Brighi, Tonetto, Perrotta) e giovani. Il comunicato con il quale la Roma aveva spedito i calciatori in ritiro non era affatto piaciuto, soprattutto per quel richiamo al denaro.
Totti e De Rossi hanno vinto le resistenze di Rosella Sensi con una tesi semplice: "Secondo lei, se non vinciamo domenica sarà merito del ritiro o della nostra professionalità? Abolisca il ritiro. Noi siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità".
Rosella ha ceduto alla richiesta, ma se domenica non si batte il Chievo, non credo si sorprenderà nessuno se la squadra tornerà in ritiro.


Antonio Dir. Delle Site