Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 16 Giugno 2019, ore 04:46

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Totti realizza il calcio di rigore  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Roma di rigore, battuto il Bologna 2 a 1

I giallorossi ritrovano i tre punti grazie a due calci di rigore realizzati da Totti al rientro dopo oltre un mese di stop per infortunio

Id Article:21438 date 5 Aprile 2009

Roma, La Roma torna alla vittoria grazie a due rigore realizzati da Capitan Totti e finalmente comincia a recuperare, grazie anche alla sosta della nazionale, qualche degente di lungo corso anche se la lista degli assenti per infortunio resta ancora troppo lunga.
Purtroppo però hanno vinto anche Fiorentina e Genoa quindi resta invariata la distanza dal quarto posto (-5) con un turno in meno da giocare. 

Spalletti poteva contare quindi sui recuperi di Totti e Perrotta, sul rientro di De Rossi dopo i due turni di squalifica e su Menez che a sorpresa, avendo recuperava in tempo, scendeva in campo dal primo minuto; altra sorpresa l'impiego di Tonetto in campo al posto di Riise reduce da una prestazione con goal con la sua nazionale.
Il Bologna invece adottava uno schieramento tattico molto prudente con un folto centrocampo e Di Vaio unica punta.
I giallorossi partivano bene schiacciando gli avversari nella loro metà campo e arrivando alla rete del vantaggio dopo 12 minuti su rigore per un fallo di Lavecchia su Tonetto, col bolognese costretto a uscire per infortunio sostituito da Marazzina. Dal dischetto non falliva Capitan Totti (anche se l'ex Antonioli intuiva la direzione del tiro senza però riuscire ad evitare la rete) al settimo goal in campionato (l'ultimo l'aveva realizzato contro il Palermo il 28 gennaio), nonché al numero 172 in A, quindi ad un passo dai migliori 10 marcatori di sempre. 

Ottenuto il vantaggio la Roma rallentava progressivamente lasciando campo ai rossoblu che con il passare dei minuti diventavano sempre più incisivi e pericolosi e proprio con Marazzina arrivavano al 26' alla rete del pari con un preciso colpo di testa che non lasciava scampo a Doni. La Roma non reagiva, Menez che era partito bene, cominciava progressivamente a perdersi per strada,De Rossi evidentemente accusava la stanchezza del doppio impegno con la Nazionale e Pizarro sembrava accusare qualche problema di natura fisica.
Panucci, autentico baluardo in difesa, al 29' si mangiava una rete facile facile sparecchiando fuori da ottima posizione un prezioso assist di Brighi, due minuti dopo Castellini respingeva sulla linea di porta, con Antonioli battuto, una conclusione di Menez, mentre allo scadere era Di Vaio a sfiorare la rete del vantaggio bolognese colpendo il palo su azione di contropiede.

Nella ripresa la Roma dava l'impressione di aver ritrovato gli stimoli giusti e il nuovo vantaggio non tardava ad arrivare. Baptista, che aveva preso il posto di Menez, veniva steso in area da un fallo di Castellini. Sul dischetto andava nuovamente il Capitano che questa volta invece di piazzare la palla optava per la soluzione di potenza battendo Antonioli per la seconda volta.

La Roma sul 2-1 si limitava a gestire la situazione ma il Bologna non stava a guardare, anzi Mihajlovic toglieva Bombardini per inserire Adailton e dare così maggior incisività all'azione offensiva. Fortunatamente il risultato sarebbe rimasto lo stesso fino alla fine ma l'ultimo quarto d'ora della Roma lasciava veramente perplessi. Totti, nonostante la precaria condizione fisica era l'unico che da solo cercava di abbozzare qualche azione offensiva mentre sul piano fisico la squadra di Spalletti sembrava deficitaria fino al punto che il mister optava nel finale di inserire Riise per Perrotta. 

L'importante era vincere e la Roma ha centrato l'obiettivo ma in futuro sarebbe bene cercare di chiudere prima le partite, specie contro avversari che, lottando per la salvezza, non mollano fino alla fine.



Antonio Dir. Delle Site