Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Venerdi 22 Marzo 2019, ore 07:11

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Il difensore, anche ieri, ha aperto le marcature.  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Panucci: Rottura totale?

Il difensore messo fuori rosa sembra sia in procinto di essere ceduto ma i tifosi sperano fino alla fine in un componimento bonario della vicenda

Id Article:21367 date 29 Gennaio 2009

Roma, “Onore a Panucci” 
Questo il testo dello striscione esposto dalla Curva Sud nel corso di Roma-Palermo. 
L'ennesima manifestazione d'affetto da parte dei tifosi che segue quella all'indomani della trasferta di Napoli, quando fuori dai cancelli di Trigoria è stato esposto un altro stiscione: "Panucci sei un pezzo de sta città e c'è una finale da conquistà". 

Tutto è cominciato quando si è saputo che la Roma ha messo fuori rosa Panucci, perchè si era rifiutato di andare in panchina contro gli azzurri di Reja.
A tal proposito un durissimo comunicato era stato letto dal Direttore Sportivo della società, Daniele Pradè. "Il comportamento del giocatore non è consono ai valori, ai principi di correttezza e lealtà sportiva della società. La Roma censura, non ammette e non tollera questo tipo di comportamento".
Ancor più dure le parole del tecnico Spalletti. "A Napoli ho preso atto della scelta del giocatore, che si è chiamato fuori dalla squadra. Da parte mia faccio scelte in funzione della società, della squadra e del risultato: schiero sempre la migliore formazione possibile. Rispetto, secondo me, significa accettare le decisioni dell'allenatore e caso mai farlo pentire dell'eventuale esclusione con il lavoro sul campo. Il rispetto Panucci lo riconosce solo quando gli dai la maglia da titolare, sempre. Panucci il rispetto lo ha mancato a me, alla squadra e a una panchina dove c'erano Totti, Aquilani e Perrotta". 

La replica del giocatore al Corriere dello Sport è stata la seguente:
“Per adesso non rispondo,lo farò quando sarà il momento. Anch'io ho qualcosa da dire. Non lo faccio ora per rispetto della Roma e dei tifosi. Il comunicato che hanno fatto è un modo per difendersi. Io non ho attaccato nessuno, ho chiesto di andare a giocare. Non accettare la panchina non è un bel gesto, lo riconosco, ma un giorno spiegherò i motivi. Se posso in Italia non resto per quello che la Roma rappresenta per me”. 

Parole che lasciano presagire come i rapporti non idilliaci con la società, che fino ad ora non avevano permesso il rinnovo del contratto del giocatore, adesso siano ormai definitivamente compromessi. 

Si parla di una possibile cessione immediata anche se sull'argomento Oscar Damiani, agente del giocatore, è stato abbastanza vago limitandosi a dire che si sta lavorando ad un paio di piste e, aggiungiamo noi ,una sembra puntare verso la Francia e l'altra verso l'Inghilterra. 

Alla domanda relativa alla possibile ricucitura dello strappo Damiani a affermato: “Non voglio fare previsioni, ma lo ritengo molto difficile…”. 

Già in passato  Panucci aveva avuto screzi anche abbastanza burrascosi con i suoi allenatori. 

L'ultimo in ordine di tempo era stato Capello. Sull'argomento è stato intervistato l'ex direttore sportivo della Roma, Franco Baldini che ha detto:
"Capello trattava i giocatori cercando di averne rispetto, ma passando oltre i comportamenti personali e pensando all'interesse collettivo. Umanamente ci rimase male ma alla fine prevalse la cosa più conveniente per la Roma". 

I tifosi si augurano che ciò accada pure questa volta…




Antonio Dir. Delle Site