Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 26 Agosto 2019, ore 03:16

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Basket , SkSoggetto:San Raffaele Basket Femminile , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Luca Gabriele Punziano
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 1618 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Recalcati, incoraggia il giocatore durante la partita  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Basket-Italia, spera ancora

Rinvigorita dalla vittoria contro l'Ungheria, la squadra ora cerca due vittorie consecutive

Id Article:21079 date 12 Settembre 2008

Roma, L'Italbasket si regala una speranza di qualificazione ai prossimi europei, sconfiggendo l'Ungheria (75-68) a Porto San Giorgio, ribaltando anche la differenza canestri dell'andata (l'Italia fu sconfitta di quattro lunghezze). Agli azzurri ora serve un altro successo sabato a Helsinki per essere quasi certi del terzo posto nel girone, quello utile per partecipare al torneo di ripescaggio in programma a partire dal prossimo 5 agosto 2009. 



Compleanni onorati – Massimo Bulleri, nel giorno del suo trentunesimo compleanno, si regala una prestazione da leader e rende lieto anche quello del ct Recalcati, che proprio oggi ne compie 63. Quello che più conta è che l'Italia, con tutti i limiti del caso, sia riuscita ad andare oltre le difficoltà per mantenere viva la speranza di qualificazione. Una squadra, quella azzurra, senza un vero terminale offensivo designato e dove tutti sono "condannati" a portare il proprio mattone alla causa. Ieri ci hanno pensato, oltre a Bulleri, anche Poeta (15 punti in 14') e Cinciarini, due nomi magari non altisonanti e non più di tanto noti al grande pubblico (specie il secondo), ma che si sono calati perfettamente nel ruolo. Dopo un primo quarto da favola, durante il quale l'attacco azzurro ha sfruttato la pochezza della difesa individuale ungherese (26-12 il parziale),la manovra si è inceppata di fronte ad una zonaccia (mantenuta per 25' buoni dagli ospiti) che ha messo a nudo tutti i limiti offensivi degli azzurri. 



La grande paura – Brividi lungo la schiena dei 500 tifosi che hanno scelto di sostenere la Nazionale verso il successo (pochi, è vero, ma giocare alle 20 di un giorno lavorativo non pare il massimo della lungimiranza), quando a sette minuti dalla fine l'Ungheria impatta sul 57-57. Ci pensa un positivo Crosariol (anche grazie a lui l'Italia riesce a vincere la lotta a rimbalzo), che realizza i suoi 4 punti proprio nei momenti cruciali, quindi è Bulleri a mettere il sigillo e tranquillizzare gli animi. Negli ultimi scampoli un ottimo Cinciarini (13 con 4/4 da due) guadagna i liberi della staffa e Recalcati può tirare un sospiro di sollievo. 



A due partite dalla fine del girone l'Italia è dunque ancora in corsa per saltare sul treno che porta in Polonia: sabato ad Helsinki gli azzurri devono vincere per conquistare la certezza quasi matematica del terzo posto (purchè la Serbia vinca sia contro i finnici che con l'Ungheria). A quel punto ci sarà ancora quasi un anno per prendere le decisioni giuste e soprattutto per affrontare in maniera concreta tutti i problemi emersi in questo periodo di qualificazione europea.


For more info: Premi per andare alla fonte della notizia

Luca Gabriele Punziano