Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 16 Giugno 2019, ore 20:44

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Il centrocampista giallorosso classe '84  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Roma e Napoli pareggiano 1 a 1

I giallorossi ancora in fase di assestamento dominano nel primo tempo ma nella ripresa subiscono il ritorno dei partenopei

Id Article:21019 date 31 Agosto 2008

Roma, Dopo una complicata estate è ricominciato anche per la Roma il campionato. Archiviata la sconfitta ai rigori della supercoppa di lega e con ancora con gli occhi lucidi per la scomparse del grandissimo Franco Sensi la compagine romanista è stata chiamata ad una sfida difficile contro un Napoli coriaceo e volitivo che nel raggiungere e mantenere il pareggio ha mostrato grande carattere.
Priva di Totti, Perrotta e Taddei la Roma si è trovata a scontare i problemi di una situazione contingente che in pratica ha costretto Spalletti ad assemblare in fretta e furia il pacchetto avanzato in quanto tra partenze, nuovi arrivi ed infortuni rispetto alla scorsa stagione oggi in campo c'era solo Vucinic. Se nel corso della stagione ricapiterà di vedere Aquilani impiegato da trequartista, probabilmente sarà invece difficile rivedere Cassetti esterno alto e alle sue spalle Cicinho, soluzione certamente di ripiego in attesa di recuperare Taddei o che il neo arrivato Menez possa comprendere al meglio i meccanismi tattici dei giallo rossi.
I partenopei invece rispetto alla scorsa stagione non solo sono riusciti a trattenere i giocatori migliori quali Gargano, Hamsik e la neo medaglia d'oro del torneo olimpico di calcio Lavezzi, anzi hanno arricchito la rosa con buoni elementi come Maggio e Denis ed inoltre, avendo iniziato prima la preparazione per via dell'Intertoto, potevano vantare una migliore condizione fisica, che infatti ha permesso di sopperire egregiamente all'espulsione di Santacroce, fattosi cacciare ingenuamente ad inizio ripresa per doppia ammonizione.
In parte, anche se a parti invertite, si è rivissuta la situazione della supercoppa con la Roma padrona del campo nel primo tempo ed irretita e a tratti frastornata dalle incursione partenopee nella ripresa. Ad esclusione di uno sciagurato intervento di Mexes che Doni con bravura mandava in angolo nella prima parte della gara il Napoli non concludeva mai verso la porta giallo rossa mentre la Roma, passato il primo quarto d'ora di studio, una volta carburato a dovere, andava in rete con Aquilani e poi rischiava di raddoppiare con Vucinic che solo davanti a Iezzo concludeva debolmente mangiandosi letteralmente una rete già fatta.
Nel secondo tempo era invece il Napoli a cambiare registro e a sfiorare ripetutamente il pari prima con Gargano su punizione,poi con una strepitosa azione di Lavezzi che concludeva fuori di poco ed infine con Hamsik, che colpevolmente tenuto in gioco da Cicinho, prima di testa spediva sulla traversa e poi era più lesto di tutti a ribadire in rete in acrobazia.
La replica della Roma non tardava a venire prima Aquilani mandava alto da ottima posizione e poi Cicinho, ottimamente servito da Baptista, si faceva respingere il tiro sulla linea da un difensore.
Spalletti vista l'attenta difesa del Napoli cercava di sfruttare subito le doti di Menez che pertanto faceva il suo esordio in maglia giallo rossa, al pari di Rjise e Baptista schierati invece dal primo minuto. Proprio il francese aveva una colossale occasione per andare in rete ma purtroppo l'occasione di segnare all'esordio finiva malamente alle ortiche, così come accadde in occasione dell'esordio in gare ufficiali con la Roma del suo connazionale Giuly lo scorso anno contro l'Inter in supercoppa.
Nel frattempo però il Napoli non stava a guardare e anzi con il solito Lavezzi sfiorava la rete del possibile k.o., cosa che non accadeva grazi soprattutto alla bravura di Doni, che nonostante i vari acciacchi, oggi è stato forse uno dei migliori in campo.
Non producevano i risultati sperati nemmeno gli innesti di Tonetto e Okaka e così alla fine l'incontro terminava in parità con rimpianti da entrambe le parti.
Fortuna che adesso ci si ferma subito per la sosta della Nazionale, così almeno Spalletti avrà un po più di tempo per amalgamare meglio i nuovi arrivati come lo spaesato Menez, il timido Rjise e soprattutto Baptista in quanto il brasiliano, anche se oggi è andato meglio che in supercoppa di lega, ha alternato luci ad ombre e soprattutto recuperare gli infortunati.


Antonio Dir. Delle Site