Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 19 Febbraio 2019, ore 12:23

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Basket , SkSoggetto:San Raffaele Basket Femminile , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Luca Gabriele Punziano
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 1618 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Stefania De Michele ai tempi della sua esperienza azzurra  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Basket femminile- Stefania De Michele verso il ritiro

La forte giocatrice, in assoluto tra le migliori sarde, pensa ad appendere le scarpette al chiodo

Id Article:20710 date 28 Giugno 2008

Roma,

Stefania De Michele, la giocatrice sarda che vanta il miglior curriculum cestistico sta pensando al ritiro. Non è ancora confermato il tutto, ma la direzione appare inequivocabile. 


Un curriculum di tutto rispetto il suo: a 16 anni lascia la Sardegna e va a giocare nella massima serie a Ferrara, a Milano (dove vince nel 1990 una Coppa Ronchetti) e poi a Bari prima di approdare ad Anagni e successivamente a Benevento in serie A2. Successivamente ritorna a Ferrara in serie A, ma è con la Nazionale che si toglie le maggiori soddisfazioni: fa tutta la trafila con la selezione giovanile, disputando gli Europei con le "cadette" a Sofia e poi ad Alcalá de Henares in Spagna, successivamente gioca anche ai giochi del Mediterraneo ed in altri tornei con la squadra azzurra. 


Poi, prevale la voglia di ritornare a casa, nella sua amata terra: "Sapevo che prima o poi sarei ritornata a casa, e sono stata contenta di aver esaudito il mio desiderio. La Sardegna è sempre stata la mia casa, ed il fatto di essere stata sarda non ha influito nè positivamente nè tanto meno negativamente sul mio futuro cestistico: il basket non ha cittadinanza. Semmai,ha influito la mia voglia di tornare a casa". 


In Sardegna ha fatto un pò da giramondo: "Si, ho giocato in diverse squadre: nel San Salvatore Selargius, nella Virtus e nel Cus Cagliari, infine nell'Astro e poi a Quartu".
Qui forse prevale il rammarico nella giocatrice, per non aver ottenuto la salvezza: "Mi è dispiaciuto tanto non aver aiutato le ragazze ad ottenere la salvezza. Ma dal punto di vista umano è stata una bellissima esperienza che mi ha dato tanto frutto". 


Infine, un commento su come la propria regione si sta impegnando nel basket: "Le squadre sarde, si stanno aprendo molto all'esterno ingaggiando giocatrici di qualità dell'intera penisola, specialmente quelle di serie A2 stanno facendo questo: siamo ancora lontani da una buona organizzazione, ma la voglia c'è e prima o poi verrà colmato anche questo gap".

 
Ci lascia così Stefania, con la sua solita sportività , ma tutti gli appassionati della palla a due spicchi, sperano che la giocatrice possa cambiare idea e restare a giocare ancora per qualche anno.



Luca Gabriele Punziano