Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 22 Gennaio 2019, ore 23:56

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Dichiarazioni Post partita ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Il tecnico della Roma Luciano Spalletti  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Spalletti: bisogna crederci fino alla fine

Udinese-Roma 1-3 2007-2008 Serie A
L'Intervista concessa a Sky da mister Saplletti nel dopo-partita

Id Article:20418 date 13 Aprile 2008

Udine, Al termine della vittoriosa trasferta contro la sua ex squadra mister Saplletti ha concesso questa intervista ai microfoni di Sky che riportiamo di seguito.

Si aspettava questi rumoreggiamenti da parte del pubblico di Udine?
“Stanno facendo un grandissimo campionato, per cui mi sembra giusto per questi ragazzi, per quello che sono riusciti a sviluppare sul campo, tirando dentro la partecipazione del pubblico. Qui in Friuli il tasso di sportività è altissimo. Fanno festa a fine partita, fanno il terzo tempo”.
Sul diverbio tra Panucci e Doni.
“Un malinteso. Io so che gli errori si possono commettere. Non c'è bisogno di portare il discorso là dove non aiuta. Occorre essere bravi all'interno di un gruppo a saper trasparire l'aspetto professionale in funzione della squadra, al di là dei diverbi personali. Qui di è avuto un fraintendimento, ma poi si va avanti”.
Reazione avvenuta dopo il gol e il diverbio: l'importanza del rientro di Totti…
“Francesco è un giocatore che ha di più, sotto l'aspetto della tecnica, della gestione dello sviluppo delle situazioni offensive: è uno che ha qualcosa di più. Questa qualità va supportata da un impatto fisico e da una disponibilità di corsa per mantenere gli equilibri di squadra, perché solo con la tecnica non di vince”.
La Roma ha un calendario migliore rispetto all'Inter?
“Può dipendere molto dal risultato di stasera che farà l'Inter. Campionato aperto? E' in funzione di quello che riesce a fare l'Inter. Le insidie nel calcio stanno sempre dietro l'angolo. Noi abbiamo fatto vedere di aver perso dei punti con le piccole,come li abbiamo presi con le grandissime. Quindi il calendario c'entra fino ad un certo punto. Dobbiamo cercare di non sbagliare mai, fare risultato, e sperare anche che l'Inter conceda qualche cosa”.
Sul tiro sbagliato di Totti, il capitano è stato influenzato dalla posizione dell'arbitro.
“La posta in palio era altissima, la palla era allettante, il direttore di gara si è tolto all'ultimo e un po' l'ha disturbato. La reazione è quella di rapporto che ci deve essere, però poi dopo una prima reazione doveva smettere e ha fatto bene ad ammonirlo. E' capibile, ma bisogna stare attenti e cercare di limare il più possibile”.
Sulla gara: c'era un certo nervosismo in campo?
“Quando si arriva a questo punto, alle ultime gare, dopo un campionato portato in maniera corretta sotto l'aspetto dei comportamenti, arrivi in fondo alle ultime gare che ti giochi in una partita tutto quello che hai costruito durante l'anno. Qualche tensione è chiaro che ci debba essere. Qualche momento di nervosismo sia accettabile. Noi siamo passato sopra a tanti episodi che ci sono successi”.
Vittoria meritata?
“La Roma meritava di passare in vantaggio prima dell'1-0. Poi l'Udinese è stata brava a fare gol. Ma noi abbiamo vinto meritatamente”.

Antonio Dir. Delle Site