Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 23 Gennaio 2019, ore 00:11

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Aquilani festeggia la rete di capitan Totti  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Real Roma passa anche a Napoli

Napoli-Roma 0-2 2007-2008 Serie A
Bella vittoria dei giallorossi in casa dei partenopei grazie alle reti di Perrotta e Totti su rigore

Id Article:20247 date 9 Marzo 2008

Roma, Un Roma in formato Real gestisce al meglio la fatica e le energie e si impone con un secco 0 a 2 in casa di un Napoli mai domo e in un momento di forma decisamente esaltante culminato con la vittoria sull'Inter ottenuta proprio sette giorni fa.

Forse qualcuno sperava che oggi il campionato venisse nuovamente richiuso in quanto vincere a Napoli è impresa riuscita a pochi questa stagione, inoltre il Dg degli azzurri, Pierpaolo Marino, lo aveva dichiarato in più occasioni dopo che i partenopei si erano imposti sulla capolista: “Battendo l'Inter abbiamo riaperto il campionato ma domenica battendo la Roma lo richiudiamo”. Se si considera poi che nell'anticipo di sabato l'Inter, battendo la Reggina grazie anche al solito rigore dubbio che sbloccava il risultato (circostanza che comincia ad essere una costante), avevano nuovamente allungano il distacco a +9 risultava evidente per i giallorossi che diveniva obbligatorio vincere per mantenere il passo e tornare a 6 lunghezze di distacco, lasciando così aperto uno spiraglio per la corsa al titolo.

Spalletti non potendo contare su Giuly, Ferrari e Cassetti rimasti a Roma e con Tonetto infortunato dell'ultimo minuto optava per schierare dal primo minuto Doni in porta, Cicinho e Panucci esterni di difesa, Mexes e Juan (in non perfette condizioni fisiche) come centrali, De Rossi ed Aquilani a centrocampo mentre sulle fasce andavano Vucinic e Taddei. Con Mancini e Pizarro in panchina il compito di supportare Totti in avanti veniva affidato a Simone Perrotta che proprio grazie ad un prezioso assist del capitano andava subito in rete al primo minuto di gioco.

Il passare dei minuti confermava che il vantaggio di Spalletti non era il frutto di un fortuito evento in quanto la Roma macinava gioco, metteva in mostra una condizione invidiabile ed un intelligenza tattica tale da rendere le cose molto difficile ai ragazzi di Reja che comunque nonostante l'impegno per tutto il primo tempo non riusciranno mai ad impensierire il portiere Doni.
La Roma invece maestra nelle ripartente veloci e per due volte il portiere Gianello risulterà decisivo: la prima su Perrotta al 25' lanciato da Totti e la seconda su conclusione ravvicinata dello stesso Totti al 40' ottimamente servito da un assist perfetto di Aquilani.

Nella ripresa la musica non cambiava e dopo 4 minuti Cicinho veniva steso in area inducendo l'arbitro Saccani a fischiare il calcio di rigore. Sul dischetto capitan Totti suggellava al meglio le sue 500 presenze in campionato realizzando il suo 13 centro stagionale.
Forte del doppio vantaggio la Roma abbassava i ritmi concedendo spazio al Napoli che ne approfittava tirando fuori tutto l'orgoglio e la grinta possibili. Calaiò, totti a segno su rigore  
(Premi per la FOTO Ingrandita) subentrato a Mannini, contribuiva a dare la sveglia e grazie soprattutto all'apporto di Domizzi e Lavezzi ma nonostante la buona volontà doni veniva chiamato in causa solo in un paio di occasioni mentre in classica azione di contropiede era Gianello a superarsi sulla conclusione di Vucinic.
Al 17' poi veniva giustamente annullata il goal di Hamsik per fuorigioco di partenza di Lavezzi (rispetto al Bernabeu questa volta il guardalinee ci vedeva benissimo) e pertanto il punteggio sarebbe rimasto invariato fino al triplice fischio di Saccani.

La Roma di oggi sembra aver superato il periodo di appannamento che l'aveva frenata in campionato nei mesi passati. L'augurio è che la vittoria di Madrid possa finalmente aver segnato la svolta nel processo di maturazione e di convinzione della squadra, a patto che non si commettano gli errori commessi la scorsa stagione in quel di Manchester giusto per citarne un episodio.



Antonio Dir. Delle Site