Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Sabato 23 Marzo 2019, ore 15:37

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
del piero esulta dopo il goal  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Del Piero castiga la Roma

Juventus-Roma 1-0 2007-2008 Serie A
Prestazione incolore della squadra di Spalletti evidentemente distratta dalla sfida di Champions di martedì prossimo

Id Article:20142 date 16 Febbraio 2008

Roma, La Roma cede il passo alla Juve offrendo una prestazione incolore contro una rivale storica digiuna di impegni europei e quindi decisamente più motivata a vincere per cercare di contendere il secondo posto ai capitolini.

Come accadde lo scorso anno con l'Empoli per la Roma, messa evidentemente una pietra tombale sul campionato, è arrivata una sconfitta che sembra frutto dell'ansia derivante dalla sfida di martedì contro il Real Madrid (anche loro sconfitti nella Liga e anche questa è una notizia). Con la testa ad altri lidi quindi ha prevalso la squadra che aveva più fame di vittoria, quella che ha come unico obiettivo stagionale il secondo posto e che quindi ci teneva di più a vincere.

La Roma non ha giocato male, ma non ha saputo graffiare sembrando a tratti di subire l'inerzia della partita. 
Specie nella ripresa, quando doveva fare la partita per recuperare la rete di svantaggio, è mancata la lucidità necessaria per concretizzare le poche occasioni create, mostrando per larghi tratti di non avere grosse idee in attacco dove un desolante Totti, ancora in fase calante, ha bissato la prestazione incolore fornita contro il Siena di due settimana fa, mentre Spalletti dal canto suo non riteneva necessario portare Vucinic in panchina che quindi finiva direttamente in tribuna.

Non si capiva neanche con quale criterio siano stati mandati giocatori non al meglio della condizione come Taddei, Pizarro e Perrotta che poi strada facendo sono stati sistematicamente sostituiti.

Se in avanti la Roma non ha brillato qualcosa non ha funzionato nemmeno in difesa dove Mexes sembra sempre più in affanno, Ferrari  meno fiducioso rispetto alle ultime uscite mentre in ripresa sono apparsi Cassetti e Tonetto. Ottimo invece l'apporto di Doni che sullo 0 a 0 ha negato la rete a Iaquinta ma che nulla ha potuto sul bolide di Del Piero.

Primo tempo senza particolari sussulti con la Juve un po più volitiva dei giallorosso ma nulla di più e la Roma certamente non incisiva. Nel finale la partita improvvisamente si infiammava: prima Perrotta da buona posizione si faceva deviare in angolo la conclusione,poi Doni si esibiva su Iaquinta, quindi proprio allo scadere Del Piero andava in rete su calcio di punizione e un minuto dopo la Roma sfiorava il pari con un palo clamoroso colpito da Legrottaglie nel tentativo di anticipare un giocatore della Roma.

Nella ripresa i giallorossi mantenevano spesso il possesso palla ma di conclusioni pericolose verso la porta di Buffon se ne contavano veramente poche e ad alla fine il tiro più pericoloso risulterà quello scoccato da De Rossi da distanza siderale.
La Roma collezionava calci d'angolo ma con esito pressoché nullo ed anzi in contropiede era la Juve a rendersi pericolosa sfruttando gli ampi spazi concessi dalla retroguardia romanista.

A poco servivano le sostituzioni di Spalletti, mentre Ranieri levando una punta (Trezeguet) ed inserendo un mediano (Sissoko) riequilibrava la squadra riducendo di molto i pericoli per i suoi che senza troppi patemi portavano a casa una vittoria che adesso li pone ad un solo punto dalla Roma riaprendo di fatto il discorso per il secondo posto che significa accesso alla Champions senza preliminari estivi.

In molti dicevano meglio perdere oggi e vincere martedì, speriamo che siano stati buoni profeti.



Antonio Dir. Delle Site