Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 25 Giugno 2019, ore 23:47

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
La prodezza di Vucinic che regala la vittoria alla Roma  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma va con l' euro-Vucinic

Champions League 2007-2008 Altro
Battuto lo Sporting Lisbona grazie ad una prodezza dell'attaccante che finalmente ha interrotto il suo digiuno

Id Article:19658 date 24 Ottobre 2007

Roma, Evidentemente l'aria delle sfide internazionali fa bene a Mirko Vucinic che dopo essersi sbloccato con la maglia della nazionale ha finalmente siglato la sua prima rete stagionale con la casacca giallo rossa regalando alla Roma una vittoria che significa secondo posto solitario nel girone. 

Eppure fino alla prodezza dell'attaccante del Montenegro erano state ben poche le note liete della serata se si esclude il vantaggio iniziale di Juan (autore oltre che dell'1 a 0 soprattutto di una prestazione monumentale in difesa).
In primis le assenze di Taddei, Aquilani, Perrotta ed Esposito a cui andava ad aggiungersi dopo la prima mezzora di gioco anche quella di Francesco Totti per via di un brutto pestone sulla caviglia rimediato in un contrasto ai limiti del regolamento nei primi minuti di gara che lo costringevano inevitabilmente a chiedere la sostituzione proprio a favore di Vucinic

Poi la solita amnesia difensiva che consentiva allo Sporting Lisbona di agguantare il pareggio dopo nemmeno tre minuti dalla rete messa a segna di testa dal brasiliano Juan

I portoghesi infatti presentavano ottime qualità nel palleggio e una buona disposizione tattica che impediva alla Roma di giocare come predilige. Uscito poi Totti non si riusciva a capire chi potesse prendere in mano la situazione per poter sbrogliare la matassa e regalare i tre punti che servivano come il pane ai giallo rossi per rimanere in scia del Manchester. 

Giuly faticava ad entrare in partita, Pizzarro andava a corrente alternata ed infine Mancini partito discretamente andava poi in crisi in quanto, facendosi parare il rigore che veniva concesso al 2' minuto della ripresa per atterramento di Vucinic in area nonostante le incitazioni provenienti dai compagni e dalla panchina non dava segni di ripresa soddisfacenti. 

Certo rispetto alla gara con il Napoli la squadra sembrava decisamente più presente a se stessa dimostrando di esser scesa in campo con la dovuta concentrazione e con lo spirito giusto per combattere fino alla fine ma per come si stava mettendo la gara sembrava che alla fine i portoghesi potessero tornare a casa con un risultato positivo. 

Al 24' del secondo tempo la svolta della partita: Mirko Vucinic partiva in progressione,resisteva alla carica del suo marcatore diretto, arrivava sul fondo e da posizione molto angolata invece di crossare faceva partire un tiro micidiale che si insaccava nel sette del palo a lui più lontano. Una autentica perla di bravura che faceva venire giù tutto l'Olimpico e che vedeva giustamente esultare l'attaccante giallo rosso che dopo la rete andava ad abbracciare a bordo campo Bruno Conti che, come dichiarato lo stesso Vucinic a fine partita, gli aveva predetto che contro lo Sporting avrebbe finalmente interrotto il suo digiuno. 

Raggiunto il vantaggio la Roma ritrovava morale e gioco; Juan in difesa faceva il mostro sbrogliando tutte le situazioni più intricate, Cassetti dava l'ennesima prova di concretezza e continuità (data la carenza di esterni che ha anche la Nazionale non dovrebbe sorprendere a breve una sua convocazione) e l'innesto di Brighi si rilevava quanto mai opportuno per mantenere il risultato e fare diga a centrocampo. 

La Roma quindi senza troppi patemi alla fine riusciva a portare in porto questa vittoria fondamentale per il proseguimento nella competizione in quanto adesso sarà sufficiente anche un pareggiare in terra portoghese per poter mettere una seria ipoteca sul passaggio del turno. 

Chiusa la parentesi Champions spazio nuovamente al campionato con due sfide importantissime a cominciare dal Milan domenica per poi arrivare al derby con la Lazio fissato, forse con eccessiva leggerezza, nel turno infrasettimanale il prossimo mercoledì 31 ottobre. 

Appuntamenti a cui si spera possano essere presenti Totti e buona parte degli infortunati.


Antonio Dir. Delle Site