Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 23 Gennaio 2019, ore 00:14

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Juan esulta con Perrotta  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma tiene il passo

Reggina-Roma 0-2 2007-2008 Serie A
I giallorossi ottengono il primo posto solitario in classifica centrando una vittoria importante su un campo difficile

Id Article:19437 date 17 Settembre 2007

Roma, Si dice che in questo momento della stagione l'importante è portare a casa i risultati e da questo punto di vista alla Roma non si può certo rimproverare nulla. 

I capitolini non sono ancora al massimo e oggi per un tempo hanno faticato non poco, complice anche il grande caldo, ad imporre il loro gioco ma qualcosa rispetto al passato è cambiato. Il livello di attenzione, che in passato si era pericolosamente abbassato incontrando le così dette piccole, non ha subito cali merito di Spalletti, della vecchia guardia ma soprattutto all'apporto fornito dai nuovi innesti, e nello specifico va segnalata l'ottima prova del folletto Giuly ma soprattutto la bella prestazione di Juan, sulle cui condizioni fisiche si era tanto discusso dopo il ritorno a Trigoria del giocatore, reduce dal doppio impegno con la sua nazionale. I dubbi della vigilia e le preoccupazioni inerenti l'emergenza difesa sono state cancellate dalla superba prestazione del brasiliano, autore di una prova autorevole in difesa e soprattutto di una rete di tacco che ha sbloccato una situazione che si stava rendendo difficile. 

Nella prima parte di gara i giallorossi avevano faticato non poco a tenere a bada una Reggina vogliosa e ben determinata a vender cara la pelle. La manovra eccessivamente compassata della Roma aveva infatti permesso alla squadra allenata da Ficcadenti di adottare le opportune contromisure e non a caso le occasioni da rete latitavano su entrambi i fronti. 

Nella ripresa bastavano pochi minuti a Juan per far saltare gli equilibri e portare la Roma in vantaggio. Alla Reggina saltavano i nervi e una entrata da codice penale di Valdez su Perrotta faceva scattare all'arbitro Rocchi di Firenze il rosso diretto.
Approfittando della superiorità numerica la Roma giocava sul velluto e sfiorava la rete del raddoppio in diverse occasioni, incluso un contatto netto in area su Giuly non rilevato dall'arbitro e una clamorosa occasione di Perrotta che a porta vuota sparecchiava fuori.
La Reggina,scampato il pericolo, inseriva la giovane punta Ceravolo nel tentativo di pareggiare ma l'attaccante amaranto si faceva subito notare per la facilità con cui finiva a gambe levate non appena entrava in area di rigore della Roma.
Proprio da un rigore reclamato da Ceravolo partiva l'azione del raddoppio della Roma: cross di Cicinho (subentrato a Jaun) velo di Aquilani e conclusione vincente di Capitan Totti che chiudeva la partita.
Il pubblico non gradiva e cominciava a gettare in campo di tutto facendo sospendere per qualche minuto la gara. La partita comunque si concludeva senza ulteriori sussulti e la vittoria regalava alla Roma il primo posto solitario in classifica, vista la concomitante sconfitta della Juventus con l'Udinese. 

Possiamo certo dire che il periodo di fuoco che attende la squadra nei prossimi turni è iniziato nel migliore dei modi da adesso è bene restare calmi e concentrati, la strada da percorrere è ancora lunghissima e piena di insidie ed esaltarsi adesso potrebbe risultare particolarmente quantomeno controproducente. 

La priorità adesso è verificare le condizioni dei giocatori rimasti a Trigoria, quelli recuperati da poco e ancora senza i 90 minuti nelle gambe e soprattutto le condizioni di Doni, sostituito tra primo e secondo tempo per una brutta caduta, e di Juan precauzionalmente sostituito per evitare possibili complicazioni. 

La Roma ha le potenzialità per fare bene ma deve mantenere i piedi per terra, lasciando l'euforia ai tifosi e restando refrattaria ai commenti esaltati di alcuni “professionisti del dopopartita” che, capaci di dire tutto e il contrario di tutto, già parlano di fuga pronosticando già da ora vittorie che sono ancora ben lontane dal venire.


Antonio Dir. Delle Site