Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Giovedi 19 Settembre 2019, ore 14:39

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,
,
a cura di Francesco Conti
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 286 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 3 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Christian Chivu urla  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

"Chivu vuole l'Inter"

Ad affermarlo è il suo procuratore, Victor Becali, che chiarisce una volta per tutte la reale volontà del difensore rumeno.

Id Article:18632 date 6 Luglio 2007

Roma, La telenovela sulla cessione di Chivu si arricchisce di un nuovo capitolo e stavolta è uno di quei capitoli chiave, di quelli che in pratica servono a capire l'intera trama.
Rimanendo nella metafora potremmo dire che il titolo della puntata è “Chivu vuole l'Inter” e a firmarlo è Victor Becali, procuratore del difensore rumeno, che ha rilasciato alcune dichiarazioni inequivocabili sul proprio assistito.

Senza mezzi termini infatti, Becali spiega come sia proprio Chivu ad impuntarsi per andare all'Inter: “Cristian non vuole andare al Real Madrid – esordisce Becali all'agenzia Dire - La Roma i soldi può prenderli solo dall'Inter e Cristian ha detto che vuole andare all'Inter. Adesso – prosegue l'agente del difensore - dipende tutto dalla Roma. Cristian ha preso una decisione: o va all'Inter o resta alla Roma fino alla scadenza del contratto.

A questo punto il procuratore di Chivu prova a difendere il giocatore cercando qualche appiglio per non farlo passare da “traditore” agli occhi dei tifosi, operazione che visto quanto detto appare quanto mai difficile: “Cristian ha lasciato alla Roma la possibilità di fare il prezzo che voleva per cederlo. Fino a ieri non aveva chiamato nessuno della società e si è comportato benissimo. Non ha tradito la Roma. Perchè nessuno dice che avrebbe potuto usare la clausola Fifa che lo avrebbe liberato per un prezzo variabile tra i 5 e i 7 milioni di euro ma non l'ha mai fatto per rispetto della società?".

L'agente del giocatore prosegue nel suo ragionamento con un discorso, con tutto il rispetto (ma neanche tanto ndr), quanto meno assurdo: “Se la Roma dalla sua cessione ricavasse 15, 16 o 18 milioni, lui sarebbe contento. Ma perchè la Roma dovrebbe prendere tanti soldi per Chivu e il giocatore avere un contratto 'piccolo'? Io - spiega Becali - voglio per lui solo un buon contratto, perchè non potrà giocare fino a 60 anni”.

Come se il contratto che il Real Madrid offre al giocatore fosse “piccolo”, roba da non credere ma non finisce qui, Becali continua: “Se l'offerta da Madrid fosse stata buona, Cristian l'avrebbe già firmata. Ci hanno offerto 5 milioni lordi per 4 stagioni. Se la Roma non tratterà con l'Inter – sentenzia Becali in quello che appare come un vero e proprio avvertimento - Cristian resterà alla Roma e poi tra sei mesi potrà firmare con Liverpool o Chelsea ecc.”.

Dunque una sorta di ricatto neanche troppo velato alla società giallorossa, cristian chivu  
(Premi per la FOTO Ingrandita) che con un comunicato aveva fatto sapere di aver accettato l'offerta del Real Madrid, destinazione che però Cristian Chivu non ha intenzione di accettare. Proprio in virtù di quanto affermato dalla Roma stessa, Victor Becali prova a dare la soluzione al problema consigliando i dirigenti giallorossi sul da farsi: "Se il futuro mercato della Roma è veramente legato alla cessione di Cristian Chivu, allora perchè la Roma - si interroga ironicamente Becali - non si mette d'accordo con l'Inter?".

Per chiudere tenta di discolpare sè e il fratello Giovanni, facendo capire a chiare lettere come loro due (i fratelli Becali appunto), stiano semplicemente cercando di accontentare i desideri di Chivu: "Tra martedì e mercoledì ci vedremo a Roma con Pradè. Con lui ho un buonissimo rapporto e non ho mai avuto problemi. Io e mio fratello Giovanni siamo massacrati dalla stampa italiana, tutti scrivono male di noi. Sono state riportate cose che pubblicavano i giornali romeni due anni fa. Ma perchè? Noi ci limitiamo a rispettare le decisioni che prende il calciatore, perchè - ribadisce Becali - è solo Cristian che decide. Io sono solo il suo procuratore e prima ancora suo amico".

Dopo questa intervista non c'è dubbio che il quadro ora sia tutto più chiaro. Se infatti sino ad ora molti avevano accusato proprio i fratelli Becali (Victor e Giovanni ndr) di pilotare in qualche modo il trasferimento di Chivu, adesso nell'occhio del ciclone finisce direttamente il giocatore che si spoglia dalle vesti di “burattino” in mano ai "procuratori cattivi" affibbiategli da qualcuno e assume quelle di uomo, benchè non molto corretto nei confronti della Roma, che sta facendo la voce grossa per andare a Milano, in barba al volere del suo attuale club che vorrebbe cederlo al Real.
Almeno adesso si saprà contro chi puntare il dito in questa vicenda.

Francesco Conti