Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 21:25

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,
,
a cura di Luigi Perrone
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 470 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 4 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Fabio Capello, allenatore della Juventus  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Capello: “Scudetto alla Roma? Sarebbe bello”

Il tecnico friulano, fresco vincitore della Liga, commenta le notizie legate alle plusvalenze delle due squadre milanesi nel campionato 2005/2006

Id Article:18403 date 21 Giugno 2007

Roma, Da quattro giorno è diventato campione di Spagna per la seconda volta con il Real Madrid e, come accadde nella prima circostanza, sembra che non ci sarà la sua conferma sulla panchina della squadra più titolata del calcio iberico. Fabio Capello è tornato in Italia portando con se il settimo titolo nazionale. Lui però non ci sta e rivendica anche i due scudetti vinti nelle ultime due stagioni sulla panchina della Juventus.

Ecco perché la notizia secondo cui l'Inter non avrebbe avuto i requisiti richiesti per partecipare al campionato 2005/06 se di mezzo non vi fossero stati alcuni scambi di giocatori con il Milan che portarono a delle notevoli plusvalenze, lo tocca da vicino: “Il tricolore 2005/06 alla Roma? Sarebbe troppo bello,soprattutto per i commenti che mi arrivavano in Spagna sugli scudetti dell'onestà e della correttezza” dice il tecnico di Pieris ai microfoni di Sky.

L'ex mister della Roma non si ferma qui e manda un messaggio anche a Sacchi, secondo il quale Capello riesce a vincere soprattutto i campionati con squadre mediocri: “Secondo me è un complimento soprattutto se fatto da uno che in Spagna ha picchiato il muso due volte. E' andato a Madrid con l'Atletico e l'hanno rispedito a casa, ha fatto il dirigente al Real Madrid e l'hanno rispedito a casa. Insomma io credo che uno che per due volte prende dei cazzotti, evidentemente non si è ancora risvegliato”.


Luigi Perrone