Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 23 Luglio 2019, ore 09:00

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,
,
a cura di Luigi Perrone
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 470 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 4 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
La gioia di Francesco Totti dopo la rete del vantaggio segnata in casa del Lione  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Totti, il record è vicino

Quello di domenica prossima sarà il ventitreesimo derby di campionato del capitano giallorosso. Mai nessuno come lui. Nel mirino anche il primato di gol di Delvecchio e Da Costa

Id Article:17420 date 26 Aprile 2007

Roma, Il rischio, tra qualche anno, quando cioè deciderà di appendere gli scarpini al chiodo, è che il libro dei record societari della Roma faccia scopa in tutto e per tutto con quello di Francesco Totti. Perché il capitano romanista ha già stabilito e nel prossimo futuro stabilirà tutti i record che un giocatore può fare con la maglia di una squadra. Compresi quelli relativi a un derby. Quello di domenica prossima, per esempio, per il capitano giallorosso sarà il ventitreesimo di campionato, il ventisettesimo in totale (quattro li ha giocati in coppa Italia). Mai nessuno come lui.

In campionato fino ad oggi detiene il record in compagnia di Masetti, portiere del primo scudetto romanista. Ventisette, con quello di domenica, sono un numero importante di derby, destinato a migliorare nelle prossime stagioni per quella che Totti considera la partita più epidermica da giocare. Quella che sente di più, il motivo per il quale, probabilmente, non sempre contro la Lazio si è visto il Totti dei giorni migliori.

PRECEDENTI - La storia di Totti e il derby è ormai una storia che ha compiuto i tredici anni, almeno a livello di prima squadra. Il primo lo ha giocato il sei marzo 1994 e per lui fu una grande delusione, sconfitta dai cugini per uno a zero, rete di Signori. La prima conferma, per Totti, che il derby non sarebbe mai stata una partita come le altre come poi avrebbe sostenuto il suo amico Zeman.

E infatti prima di segnare un gol alla Lazio, il capitano romanista ha dovuto attendere otto sfide e per la pria vittoria nove (anche se era in panchina nel 3-0 targato Carletto Mazzone) anche questa griffata da un suo gol. Ma il bilancio dei ventisei derby disputati sin qui dal numero dieci giallorosso,non è favorevole al giocatore: dieci sconfitte, otto pareggi e otto vittorie, anche se c'è da dire che su questo bilancio pesano ancora notevolmente i primi dieci derby giocati (i quattro persi in una stagione con Zeman) conclusi con sette sconfitte e tre pareggi. Dopo c'è stata una netta inversione di tendenza.

I GOL - Se chiedete a Totti una classifica dei suoi primi tre gol per bellezza, di sicuro il capitano romanista tra i tre, forse anche al primo posto, metterebbe quel cucchiaio a Peruzzi a confezionare il definitivo cinque a uno (in precedenza quaterna di Montella) che rimane la vittoria più bella nel derby nell'era Totti. Quello fu il quarto gol alla Lazio realizzato dal giocatore dei sei complessivi messi a segno sin qui (i primatisti Delvecchio e Da Costa sono a quota nove).

Il primo è arrivato al decimo derby giocato (due di coppa Italia) e pure a quello il capitano romanista è legato in maniera particolare. Perché fu la rete del definitivo tre a tre di un derby tra i più belli mai giocati, la Lazio avanti di due gol e in superiorità numerica, Di Francesco che dimezza lo svantaggio e poi Totti con un tiro pure un po' sporco a pareggiare proprio sotto la Sud. L'ultima rete alla Lazio l'ha segnata il ventitrè ottobre di due anni fa in una sfida conclusa in pareggio. Totti non lo dice, ma un altro record a cui punta è pure quello dei gol alla Lazio. Gliene mancano tre. E vuole accorciare le distanze da Delvecchio e Da Costa.

(Corriere dello Sport)





Luigi Perrone