Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 20 Gennaio 2019, ore 20:11

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Mexes e Toni in azioni, molte le scintille tra i due durante la gara  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Roma, un occasione sprecata.

Fiorentina-Roma 0-0 2006-2007 Serie A
I capitolini, incapaci di sfruttare la superiorità numerica per oltre 45 minuti, tornano a casa con uno scialbo 0 a 0

Id Article:16701 date 19 Marzo 2007

Roma, Un pareggio che sa di beffa quello di Firenze anche se alla vigilia si sapeva che al Franchi non sarebbe stata una passeggiata. 

I numeri che hanno accompagnato questa sfida lasciavano presagire una sfida spettacolare a suon di reti e la sfida Toni vs Totti sembrava promettere scintille ed invece i protagonisti sono stati Mexes e Frey, il primo autore di un personalissimo duello con il centravanti viola che comunque alla fine è rimasto all'asciutto e il secondo artefice di parate strepitose che hanno salvato il risultato in svariate circostanze.

Chi deve rammaricarsi di più però è la Roma che alla fine ha avuto le occasioni migliori ma non è stata in grado di concretizzarle.

Nel primo tempo almeno cinque paratone di Frey (due su Totti e tre su Perrotta) hanno salvato i viola mentre sulla sponda romanista Mexes e Ferrari hanno dovuto faticare più del solito per contenere le sfuriate di Toni e Mutu, che comunque non hanno mai veramente impensierito il portiere  Doni che si è limitato all'ordinaria amministrazione.

Prima dell'intervallo la doppia ammonizione per Dainelli, troppo fallo e nervoso, costringeva Pandelli a cambiare fisionomia alla sua squadra e alla lunga gli innesti di Potenza e Blasi si sarebbero rivelati più che azzeccati.

Nella ripresa infatti la Roma non riusciva quasi mai a sfruttare nel modo opportuno l'uomo in più ed anzi era la Fiorentina ad affacciarsi con maggior pericolosità nell'area romanista prima scheggiando un palo su punizione e poi costringendo Doni ad un intervento decisivo per lasciare invariato il risultato. La Roma invece si rendeva pericolosa solo da lontano con Totti e su calcio da fermo ma il solito Frey in giornata di grazie parava tutto.

Nel finale molto nervosismo specie in casa giallorossa in quanto la consapevolezza di non aver sfruttato la superiorità numerica per oltre 45 minuti si mascherava con estrema fatica.

Complimenti ai viola e a Prandelli per come sono riusciti a contenere la Roma,qualcosa da rivedere per Spalletti soprattutto in chiave di gestione della gara. 

E'  vero che il mitico “Barone” amava dire che le partite si giocano meglio in 10, ma in futuro, specie in ottica Champions, la Roma dovrà imparare ad essere più cinica e concreta e su questo Spalletti dovrà lavorare con particolare attenzione.



Antonio Dir. Delle Site