Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 19 Febbraio 2019, ore 12:28

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Basket , SkSoggetto:Virtus Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Federico Rossini

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 128 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 2 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Roma espugna il PalaMalaguti

Con Saibene in panchina e un Lorbek da 20 punti, la Lottomatica infligge alla VidiVici Bologna la quarta sconfitta consecutiva sul filo di lana: 77-78

Id Article:16359 date 4 Marzo 2007

Roma, Uno degli aggettivi più facili per la Lottomatica Virtus Roma è: strana. Il motivo? E' capace di andare a Vitoria e perdere di 43 punti e, quattro giorni dopo, di violare il PalaMalaguti, dove in stagione solo la Benetton Treviso era riuscita a prevalere. Stavolta, le difese, di solito difficili da bucare, si bucano abbastanza, e ne esce fuori un 77-78 che premia proprio sul filo di lana la squadra guidata per l'occasione da Guido Saibene e Lino Frattin (Repesa assente per pressione alta; potrebbe esserci forse un legame con la difficile settimana?).

Per Roma, eccezionale prova di Erazem Lorbek: all'esordio, realizza 20 punti in 25 minuti, con maree di falli subiti e 33 di valutazione, prova che rafforza una volta di più, come se ce ne fosse ancora bisogno, la bontà dell'acquisto dell'ex Fortitudo Bologna e Benetton Treviso. 20 punti anche per David Hawkins, totalmente diverso rispetto al match di Vitoria. 15 punti anche per il solito stratosferico Bodiroga: gli si può anche sparare, tanto fa sempre quello che gli pare. Impossibile fermarlo.

Da parte bolognese, insufficienti i 19 di Ilievski (3/5 da tre), che si è voluto far rimpiangere, i 14 di Vukcevic, gli 11 di Best e i 10 di Blizzard.

Roma parte con Chatman, Hawkins, Bodiroga, Tonolli e Chiacig; Bologna risponde con Best, Blizzard, Drejer, Michelori e Lang.

Per quasi due minuti non si segna, poi Roma si porta sul 2-6 grazie a 4 punti di Hawkins. Le V nere non faticano a operare il recupero, mentre il neoarrivato Lorbek fa subito vedere le proprie buone qualità, con due punti e una stoppata ben assestata a Giovannoni. Il quarto si chiude sul 13-15.

Al rientro in campo, la VidiVici piazza un break di 7-0, andando sul 20-15. Roma non molla la presa e resta in partita con Bodiroga,Hawkins e Lorbek. C'è anche il pari a 33, seguito dall'allungo bianconero, che si chiude col canestro a tre secondi dalla sirena per l'ennesima gestione sciagurata degli ultimi 24 secondi da parte di Mire Chatman: 38-34.

La VidiVici esce rinvigorita dallo spogliatoio e raggiunge il +6, ma è raggiunta da due triple di Hawkins e Chatman (fino a quel momento, la Lottomatica aveva un 1/11 da tre punti). Quindi, sono Lorbek e Stefansson a reagire positivamente al buon momento di Kris Lang e Travis Best. Roma arriva anche a +5 con una poderosa schiacciata di Capitan Tonolli, ma subisce la tripla sulla sirena (altra specialità della casa) che manda le squadre all'ultimo intervallo sul 52-54.

Vukcevic firma il pari a 54 dei bolognesi, ma Lorbek con una tripla (sbagliato il libero aggiuntivo) rimanda la Lottomatica avanti. Roma trova anche il +6, ma dal 57-63 si arriva, con un rapido break di 11-2, al 67-65 per la formazione di casa (bestiale tripla di Ilievski, da lontanissimo). Roma, però, non molla, e ritrova il vantaggio con un altro canestro e fallo di Lorbek. Ilievski tiene in partita la VidiVici, segnando dalla lunetta e realizza, a 11 secondi dalla fine, anche la tripla del –1 (75-76). Arriva il time out della Virtus capitolina, con 9”19 da giocare e due liberi per Stefansson, che fa 2/2. Quindi, fallo dell'islandese a –6”5 che consente a Blizzard il 2/2: 77-78. Sulla rimessa romana, Bologna non riesce a far fallo, e il pallone capita giustamente nelle mani di Lorbek, che lo lancia altissimo: è vittoria, il PalaMalaguti è espugnato, la seconda della classe è battuta, soprattutto, finalmente si vince contro una tra le prime quattro.


Federico Rossini