Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Sabato 16 Febbraio 2019, ore 22:28

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Basket , SkSoggetto:Virtus Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Federico Rossini

, ,



Articoli: 128 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 2 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Il campione serbo, alla seconda stagione a Roma, ha realizzato 16 punti contro il Maccabi, ma, soprattutto, ha realizzato la tripla che ha chiuso definitivamente i conti nel supplementare. Nella foto, è di fronte a Jasaitis, con Mavrokefalidis che ricorda molto un arbitro di un incontro di boxe.  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Splendida Virtus, Maccabi battuto

Grande successo della squadra di Repesa, che si rimette prepotentemente in corsa per le Top 16 – Hawkins 23 punti, Vujcic 33

Id Article:15050 date 5 Gennaio 2007

Roma, Adesso è davvero possibile dirlo: la Virtus Lottomatica Roma è tornata, e lo ha dimostrato con una grandissima vittoria per 88-81 dopo un supplementare contro il Maccabi Tel Aviv nel decimo turno della prima fase dell'Eurolega. Al PalaLottomatica erano presenti un buon migliaio di tifosi israeliani e circa tremila tifosi di Roma, che hanno fatto un grandissimo tifo per tutto il match. Questo successo riporta la Lottomatica in corsa per la qualificazione alle Top 16: infatti, ora è sesta per differenza canestri complessiva nel girone B a 8 punti in coabitazione con Cibona Zagabria, Partizan Belgrado e Unicaja Malaga. Finisse adesso la prima fase, Roma sarebbe qualificata come miglior sesta.

Gli eroi dell'incontro sono stati Hawkins, Chatman e Bodiroga. Per David, 23 punti e una bellissima prestazione, come a dire: ehi, io sono qui, sono tornato e adesso sono di nuovo pronto ad aiutarvi. Per Mire, 19 punti, un paio di scelte sbagliate (ultimo possesso del 2° quarto e ultimo possesso dei regolamentari), ma cinque punti in fila che hanno propiziato la botta finale Virtus. Per Dejan, 16 punti e tanta, tanta magia. E' lui, con la terza tripla consecutiva nel supplementare, che chiude il cerchio e dà la certezza della vittoria a Roma. Importantissimo anche l'aiuto di Tonolli, per cui non valgono le cifre (tranne cinque palle rubate), ma la difesa forte che ha opposto, almeno per ciò che ha potuto, al devastante Vujcic.

Proprio Vujcic, con 33 punti, 8 rimbalzi e 40 di valutazione, è stato assolutamente impossibile da fermare. 9/12 dal campo, 3/4 da tre, 6/10 in lunetta per il croato. Questo però, al pari dei 13 punti di Arnold, non è bastato. Piuttosto incolori Eliyahu e Bynum, due che avevano sotterrato Roma all'andata, insieme al tagliato Buford.

Repesa spedisce in campo inizialmente Chatman, Hawkins, Bodiroga, Tonolli e Mavrokefalidis. Spahija risponde con Bynum, Halperin, Jasaitis, Vujcic e Arnold.

L'inizio è decisamente contratto, forse anche per l'importanza del match per Roma. Dopo 6 minuti si è ancora 4-6, e la situazione fa poco per sbloccarsi fino alla fine del periodo, quando Garri e Askrabic producono il primo tentativo di allungo di Roma, che proprio grazie a una tripla del giocatore serbo quasi sulla sirena finisce la prima frazione sul 14-10.

Nel secondo periodo, i padroni di casa tentano immediatamente l'allungo salendo fino al +7, ma il Maccabi non intende lasciar andare via la partita e continua a tenersi attaccato, finché la Lottomatica, trascinata in buona parte da un finalmente ritrovato Hawkins, torna a 30-23, per mantenere questo vantaggio fin quasi a fine primo tempo. Qui, I due migliori marcatori del match tra Lottomatica e Maccabi: David Hawkins, 23 punti, e Nikola Vujcic, 33. Ma alla fine, a prevalere è stato il Falco...  
(Premi per la FOTO Ingrandita) però, dopo un recupero di Tel Aviv e un 1/2 di Hawkins dalla lunetta, sul 35-30 e 34 secondi da giocare, Chatman potrebbe giocare ai 24 lasciando 10 secondi agli ospiti. Invece tira da tre dopo nove secondi, sbaglia e Halperin lo punisce mettendo a segno il canestro che porta tutti negli spogliatoi sul 35-32.

Al rientro in campo, la Virtus piazza un parziale di 9-0 che la porta sul +12. Gli israeliani, però, non mollano e, sul 51-42, mettono a segno con Arnold, Halperin e Vujcic un controbreak di 0-10 che li porta in vantaggio. Hawkins, però, riporta avanti la formazione di casa e chiude il terzo periodo sul 53-52

Nell'ultimo quarto, il Maccabi va fino al 53-57 con una tripla di Shason, ma Roma non molla e torna in parità. Sharp, a quel punto, mette un'altra tripla, ma Righetti e Askrabic, con due gite perfette in lunetta, rimettono le cose a posto. E' proprio quest'ultimo a rubare la palla che lancia Chatman verso la schiacciata del 63-60. Spahija chiama time-out, risponde presente Jasaitis che mette la tripla della nuova parità, mentre Vujcic mette i liberi del 63-65 dopo che Mavrokefalidis ha speso su di lui il quinto fallo. Askrabic recupera il gap, Arnold lo riapre, Tonolli fa solo 1/2 dalla lunetta dopo aver spedito fuori per falli Sharp, e Arnold mette entrambi i successivi. Sul 66-69, l'errore da tre punti di Hawkins parrebbe la fine, ma in aiuto della Virtus corre Bodiroga, che cattura il rimbalzo offensivo e costringe Arnold al quinto fallo. Mette entrambi i liberi. Sull'azione successiva, Hawkins spende benissimo il quarto fallo, mandando Eliyahu in lunetta e confermandone l'imprecisione: 1/2. Bynum, quindi, consente al Falco di fare 2/2 e pareggiare, prima di riportare in vantaggio i suoi. Poi è Halperin a fare il quinto fallo: 2/2 di Hawkins e pari a 72. Sull'ultima azione, Askrabic stoppa Bynum, lasciando Chatman con la palla della vittoria in mano. L'ex Dinamo Mosca la tiene per tutto il possesso, scaglia un tiro da tre punti che finisce sul ferro.

Supplementare.

Chatman si fa subito perdonare portando di nuovo avanti di due dai liberi la Virtus, quindi, dopo un 1/2 di Eliyahu, si apre la voragine. Chatman, tripla. Hawkins, tripla. Bodiroga, tripla. Uno, due, tre. E la partita si chiude. A nulla serve la reazione di Vujcic, che tenta in qualche modo di salvare la situazione. Finisce 88-81, nel tripudio dei tifosi della Virtus giunti al PalaLottomatica.

E' la quarta vittoria consecutiva, e potrebbe anche essere, perché no, la partita che cambia la stagione...


Federico Rossini