Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 19 Febbraio 2019, ore 12:46

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Basket , SkSoggetto:Fed. Italiana Basket , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Luigi Scrimieri
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 85 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 3 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Tutta la classe di Travis Best, condottiero della Virtus Bologna (fonte: basketground.it)  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Siena cade ad Udine, V.Bologna capolista solitaria

In una giornata densa di sorprese, perdono Treviso, Siena e Milano. Successo per la Vidivici, prima in classifica

Id Article:14869 date 19 Dicembre 2006

Parma, La dodicesima giornata sarà sicuramente ricordata per i tanti risultati inaspettati. La sola Virtus Bologna conferma il pronostico, battendo in casa Montegranaro. Sconfitte di rilievo per Treviso contro Capo D'Orlando, per Siena ad Udine (sospinta dal duo Jaacks-Allen), F.Bologna nel derby a Reggio Emilia e Milano in casa di Avellino. Boccate d'ossigeno per Roma e per una rinfrancata Napoli (a cui il taglio di Brown ha fatto soltanto del bene). Vittoria scacciacrisi per Teramo su Scafati (al quarto stop di fila, Petrovic dimesso), mentre Varese conferma una buona forma vincendo contro Livorno (a cui in settimana sono stati levati 2 punti di penalizzazione).

Al Palaverde la Benetton Treviso subisce l'attacco concreto dell'Upea, che infligge una sconfitta tutt'altro che immeritata ai campioni d'Italia (72-83). Facile parlare del solito Alvin Young (25+6+4, 31 val.), ma non è solo il tiratore americano l'unica stella dei siciliani: Freeman (15, 13 val.), Toure (13+7, 16 val.) e Wells (17+5, 14 val.) sono tasselli importanti in un team che fa sognare i propri tifosi. Treviso resta sotto per tutta la partita e, pur con cinque in doppia cifra (Lyday 13, Soragna 12, Mordente 12, Gigli 10, Goree 11), ha scarsa determinazione e poca concentrazione, al tiro e a rimbalzo; gara incolore sia per Zisis che per Smith.

Grazie ad un allungo nel terzo quarto, Teramo batte Scafati per 92-80. Sono le giocate di Grundy (24+3+6,26 val.), la poliedricità di Woodward (15+2+7, 24 val.) e la solidità di Hurd (15+9, 20 val.) e soprattutto Nolan (17+9, 26 val.) a scavare il solco contro la squadra di Petrovic, dimessosi al termine della gara. Scafati subisce oltremodo l'attacco di Dalmonte (71% da 2, 32% da tre), mentre in attacco Apodaca (8 pt, 2 val.) tradisce e non bastano i 13 di Rombaldoni (prima doppia cifra dell'anno, 13 val.), al pari delle prestazioni di Martinez (16, 15 val.) e Lauwers (18 pt., 4/6 da 3, 18 val.). Male Stevin Smith (1), Salvi (6) e Jagodnik (7).

L'anticipo di mezzogiorno premia i padroni di casa della Snaidero Udine, vittoriosi per 78 a 69 contro la Montepaschi Siena. Mvp della gara è il lungo Jacob Jaacks, che unisce ai 14 punti ben 15 rimbalzi (24 di val.), spalleggiato sotto canestro da Joel Zacchetti (9+3 in 15', 13 di val.) e, tra gli esterni, da Jerome Allen (11+3+2, 10 val.) e soprattutto Larry O'Bannon (16+2, 10 val.), autore di alcuni canestri di pregevole fattura. Doppia doppia sfiorata anche per Damon Williams (8+9, 12 val.). Siena non trova contromisure alla forza a rimbalzo di Udine (47 a 29), trovando continuità solo nei canestri di McIntyre (19 pt, 18 val.) e nei progressi di Baxter (11+6, 16 val.). Male Stonerook (-2 val.), Forte (3 val.) e Sato (2 val.), 11 per Kaukenas ma non bastano per bilanciare la brutta prestazione di tre giocatori che solitamente sono tra i migliori. Per Pianigiani uno stop che deve far riflettere, considerando anche i 7 rimbalzi di Eze (2 pt) in soli 16 minuti, a testimonianza della forz adel nigeriano (frenato dai falli) sotto i tabelloni.

Larga vittoria per Roma (71-53) su Cantù; successo importante per la squadra di Repesa, reduce dalle ultimi prestazioni alquanto imbarazzanti. La gara ha visto due squadre modeste, chiaramente in difficoltà ad esprimere un buon gioco. La Lottomatica ha allungato nel quarto periodo, infliggendo ai brianzoli una sconfitta dalle proporzioni immeritate. Miglior marcatore Mavrokefalidis (16+10, 12 val.); anche Righetti supera i 10 (11, 8 val.). Ordinaria amministrazione (9+4+2, 6 val.) per Dejan Bodiroga, Chatman e Hawkins fanno presenza, 11 rimbalzi per Garri (5 pt, 7 val.). Cantù è tradita dai suoi gioielli Jordan (5+3+6, -1 val.) e Jones (3+2+2, -1 val.) e per questo non bastano le buone prestazioni di Wilson (11+10, 5 rec., 25 val.), Shaw (10+6, 18 val.) e Mazzarino (12+4+3, 12 val.). Cantù non ha ancora vinto fuoricasa.

La VidiVici Bologna approfitta della sconfitta di Siena per passare, grazie alla vittoria su Montegranaro (90-71) in testa e festeggiare il Natale da capolista (non accadeva dai tempi di Ginobili). In una partita caratterizzata da continui break da entrambe le parti, Ramel Curry (qui a rimbalzo) è il terminale principe dell'attacco di Avellino  
(Premi per la FOTO Ingrandita) ancora una volta più che dei singoli è giusto parlare di vittoria corale per la squadra di Markovski: cinque in doppia cifra, capitanati dal redivivo Travis Best (15+2+7, 22 val.), a cui seguono a ruota Blizzard (13, 15 val.), Giovannoni (16+9, 20 val.), Vukcevic (13 pt, 16 val.) e Lang (11+6, 10 val.). Montegranaro vive delle prodezze di Slay (26+10, 31 di val.) ma Pillastrini non riceve quasi niente dal resto della squadra.

Varese si aggrappa ai lampi di genio di Delonte Holland (26+4, 26 val.) e all'esperienza di Galanda (16+6, 19 val.) per avere la meglio sulla TdShop.it Livorno (89-81) rinfrancata dall'abbuono di 2 punti di penalizzazione ottenuto in settimana. La partita è caratterizzata dai giochi estemporanei dei vari Holland e Keys (10 pt, 10 val.) da una parte e McPherson (15+5, 17 val.) e Rowe (16+2+4, 17 val.) dall'altra. Ma è partita vera anche sottocanestro, dove al citato Galanda dà una grande mano Rolando Howell (10+6, 13 val.) per bilanciare la consistenza del trio Hunter (12+13, 18 val.), Fantoni (13+2, 5 val.) e A.Daniels (21+7, 23 val.). La sconfitta per Livorno è, tutto sommato, accettabile: Ciani può passare un Natale sereno, conscio del valore della propria squadra, rinvigorita non di poco dagli innesti di Hunter e McPherson.

Oltre al duo Flores (24+4+6, 24 val.) - Minard (23+5+2, 29 val.), il coach di Reggio Emilia Menetti deve ringraziare l'infortunio di Watson nel pre-gara, che ha privato la Fortitudo (sconfitta 95 a 84) del suo giocatore più solido, tassello imprescindibile in difesa e a rimbalzo (46 a 29 il computo per Reggio). L'attacco reggiano è ben bilanciato grazie ai due esterni e al gioco interno di Ress (12+9), Ortner (8+6) e Violette (10+12), mentre Lamma si ferma ad 8 (impreziositi da 7 rimbalzi) dopo gli exploit delle ultime gare. Ataman maledice il destino (infortunio a Watson) e riceve segnali importanti per il prosieguo del campionato da Belinelli (29+4, 26 val.) e Mancinelli (18+4, 16 val.). Un plauso al coach turco, capace di far salire di tono i due azzurri. Esordio problematico per Alain Digbeu: 3/3 ai liberi in 7', -1 di valutazione.

Avellino (che dopo aver tagliato Capel per problemi fisici, dovrebbe rilasciare anche Pecile, in partenza per la Spagna) vince su Milano per 93-86. Ramel Curry con una prestazione monstre (32+7+3, 42 di val.) fa capire a tutti come la Scandone abbia fatto bene ad aspettarlo (ha saltato 7 gare per un infortunio alla prima giornata) e sospinge gli irpini ad una vittoria insperata. Ottimo anche Brent Darby (17+4+8, 28 val.). Avellino vince la gara nel secondo tempo, passando in vantaggio alla fine del terzo quarto ed allungando, sospinta da Curry, nel quarto. Milano ha il season-high di Calabria (20+5, 21 val.) e una grande prova di Garris (14+2+3, 25 val.), indomabile, e la solita doppia doppia di Blair (11+10, 19 val.), mentre vanno male Travis Watson (0+5, 0 val.) e Danilo Gallinari (1 in 8'). Sedici punti per Schultze.

Nel posticipo serale Napoli passa a Biella per 65 a 77, in una gara decisa nei minuti finali. La gara è caratterizzata da percentuali modeste ed in un contesto simile la forza a rimbalzo della Eldo (41 a 33) diventa un fattore decisivo. In attacco, sono Sesay (21+5, 14 val.) e Ellis (17+4, 23 val.) a fungere da terminali principi, spalleggiati da Mason Rocca (13+4, 14 val.). Biella ha qualcosa da Gaines (16), Dean (15) e E.Daniels (12), ma la squadra di Bechi non offre una grande pallacanestro e, tutto sommato, la sconfitta ci sta tutta.


Classifica dopo 12 giornate

20: V.Bologna;
18: Siena;
16: Milano;
14: Capo D'Orlando, Treviso, Varese, Napoli;
12: Montegranaro, Biella, Roma;
10: F.Bologna, Udine, Teramo, Scafati;
8: Avellino, Cantù, Reggio Emilia;
4: Livorno.


Migliori marcatori 12" giornata:

R.Curry (Avellino): 32p.
M.Belinelli (F.Bologna): 29p.
R.Slay (Montegranaro): 26p.
D.Holland (Varese): 26p.
A.Young (Capo D'Orlando): 25p.

Luigi Scrimieri