Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 25 Giugno 2019, ore 23:46

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
panucci esulta dopo la rete segnata  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Qualificazione tra gli sbadigli

Roma-Valencia 1-0 2006-2007 Champions League
La Roma batte 1 a 0 il Valencia e accede agli ottavi ma dopo la rete giallorossa la partita è di fatto finita.

Id Article:14634 date 7 Dicembre 2006

Roma, Contava solo vincere e passare il turno e così è stato ma per il resto all'Olimpico è andato in onda l'anticalcio; ovvero il "cosa succede" se due squadre non hanno la voglia e l'interesse di giocare.

Per chi ama il calcio ieri era meglio dedicarsi ad altro. Nemmeno in amichevole si vedono cose del genere. Li almeno si cercano i numeri, si provano i colpi che di solito in partita non si rischiano mai per evitare brutte figure, e poi nel caso dei giocatori che giocano poco è l'occasione per mettersi in mostra.

Uno spettacolo desolante, da sbadiglio continuo. E' vero che a pubblico, squadra e società interessava solo passare il turno e così è stato ma lo spettacolo offerto è stato un autentico spot contro questo sport. "Odore di biscotto" hanno subito tuonato i maligni ma forse sarebbe meglio parlare di accordo tacito vista la situazione oggettiva con cui le due squadre arrivavano a questa sfida.

Le attenuanti sono molte e per entrambe. Il Valencia avendo già ottenuto automaticamente il primo posto nel girone probabilmente nemmeno sarebbe partita per l'Italia se non ci fossero poi state le sanzioni dell'Uefa e la faccia da salvare con chi ha comprato i diritti tv, con chi va allo stadio e sopratutto con i tifosi e le società del girono, con un particolare riferimento gli ucraini dello Shakhtar che in cuor loro, siamo sicuri,speravano nel miracolo qualificazione. Quindi per salvaguardare il baraccone venivano mandati in campo molti giovani e tutte le riserve possibili, visti anche i problemi di infortuni e il periodo poco felice che sta attraversando la compagine iberica che nella Liga non vince una gara da più di un mese.
Pure nella Roma c'erano delle assenze importanti e poi, con il Derby alle porte, bisognava salvaguardare le energie e soprattutto evitare infortuni.

Tutti questi ingredienti ben amalgamati davano come risultato una partita di 13 minuti (fino alla rete di Panucci) e poi come dice la famosa canzone "tutto il resto è…..noia!!!!!
Nessuno si voleva fare male, nessuno voleva stancarsi, al Valencia ogni risultato andava bene, la Roma con i tre punti otteneva il suo scopo quindi melina o giù di li fino al triplice fischio dell'arbitro.
Triste anche l'esordio in Champions dell'ex empolese Tavano, oggetto misterioso del mercato valenciano, che l'unico assit degno di questo nome lo ha ricevuto grazie ad uno svarione di Panucci nel finale di partita.
Ancora più triste Montella che ha fatto riscaldamento praticamente per un tempo per poi non entrare, che l'addio sia imminente????!!!!!

Chi stava a casa magari poteva fare un po di sano zapping, chi stava allo stadio nemmeno questo ma almeno ieri sera non faceva poi così tanto freddo…..


Antonio Dir. Delle Site