Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 16 Giugno 2019, ore 21:45

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 1747 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 13 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Id Article:1454 date 2 Novembre 2003

Roma, La Roma, con una rete per tempo, liquida la Reggina, ma le cose non sono andate poi così lisce come il risultato potrebbe far pensare. Come annunciato Capello ripropone il tridente Totti, Cassano e Montella dal primo minuto, lasciando in panchina De Rossi e Carew. La Reggina, priva del talentuoso Cozza, si presenta con Nakamura e Leon in panchina e con Di Michele e Bonazzoli di punta.
Il primo tempo vede la Roma fare la partita e la Reggina ribattere colpo su colpo anche dopo la rete del vantaggio romanista siglata da Montella al 18'su assist di un ottimo Dacourt (ispiratore anche della seconda rete romanista).
Nella ripresa, sostenuta dal tifo incessante dei numerosissimi tifosi al seguito (ricordiamo che tra le due tifoserie è ancora in piedi un gemellaggio oggi rinnovato) è la squadra amaranto di Colomba a farsi sotto per cercare il pari. Al 47'...fortuna vuole che su tiro di un positivissimo Mozart e relativa mezza papera di Pelizzoli, Di Michele si venga a trovare in posizione di fuori gioco e la rete che segna su respinta "goffa" di Pelizzoli quindi venga annullata. Capello intuisce il pericolo e decide di richiamare Montella e di irrobustire il centrocampo inserendo De Rossi.
I giallorossi,più compatti, riescono quindi a riorganizzarsi al meglio e a rendersi nuovamente pericolosi con Samuel, Totti (prestazione decisamente sotto tono quella odierna) e Cassano. Al 77' Capello decide di dare il cambio all'attaccante barese inserendo Carew,e il gigante norvegese in nemmeno 4 minuti, approfittando di una delle poche disattenzioni della difesa amaranto,riesce a siglare la rete del definitivo 2 a zero. Da segnalare inoltre un'ottima parata dell'estremo difensore giallorosso su Bonazzoli nel finale, che consente allo stesso Pelizzoli di restare imbattuto per la quinta gara consecutiva e...per quanto riguarda tutte le gare casalinghe sin qui disputate.
A fine gara, da registrare la curva che chiamava a gran voce i giocatori e questi che si limitavano a lanciare applausi mantenendosi comunque a debita distanza. Interrogato sull'argomento, Capello si è limitato a dire che se i giocatori non si sentono di fare qualcosa non sarà certo lui ad obbligarli. Sul muso lungo di Montella, sostituito dopo nemmeno 15 minuti dall'inizio della ripresa, sempre Capello ha precisato che "i giocatori in panchina non sono li per vedere la partita da privilegiati ma per fornire alternative all'allenatore, pertanto chi non accetta questo stato di cose può anche andarsene".
Polemiche in vista con l'areoplanino? Forse, ma a tenere banco per la settimana entrante siamo sicuri saranno di certo le dichiarazioni del presidente Sensi che nell'intervallo, sfoggiando l'artiglieria pesante, ha risposto per le rime a Giraudo che in settimana aveva parlato di "doping economico" e di "giocatori che alcune società non potrebbero permettersi".
Già si parla di ufficio indagini......che vorrà dire? Che il campionato sta entrando nel vivo?
Infondo il distacco dalla vetta è di solo due punti e anche Parma, Lazio e Inter sembrano farsi di nuovo prepotentemente sotto.




Antonio Dir. Delle Site