Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 16:23

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,
,
a cura di Lorenzo D'albergo
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 328 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 11 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Adriano in panchina  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Next stop Roma?

Una settimana in Brasile per recuperare le forze, ora Milano, la prossima fermata per Adriano sarà Roma?

Id Article:13807 date 4 Novembre 2006

Roma,
Adriano alla Roma torna a non essere più un'utopia. Vicino ai colori giallorossi ai tempi di Parma, “l'incredibile Hulk” tornò a vestire i colori della società che per prima lo portò nel bel paese, l'Inter di Moratti. Poi qualcosa si è rotto nei rapporti tra Adriano e la società di via Durini. Il pomo della discordia è Roberto Mancini. L'allenatore nerazzurro non è riuscito ad inserire Adriano nei suoi schemi offensivi e le prestazioni del forte nazionale verdeoro ne hanno risentito.
Si può tranquillamente dire che la porta per Adriano sia diventato un opaco ricordo. In questa stagione, oltre alla “fuga”, autorizzata dal club nerazzurro, in Brasile,c'è ben poco da riportare sugli almanacchi per Adriano.

Tornato da poche ore ad Appiano Gentile, Adriano sembra un corpo estraneo alla rosa. A questo punto all'Inter si pensa di cederlo. Nonostante l'offerta del Real, che prevede uno scambio alla pari con Ronaldo, la soluzione preferita dall'Inter sarebbe quella del prestito.
Tra i club interessati alle prestazioni del brasiliano c'è la Roma di Spalletti, allenatore non nuovo a recuperi che hanno del miracoloso, basta chiedere a Perrotta, Mexes e Ferrari.
Moratti preferirebbe prestare il giocatore all'estero, ma Adriano potrebbe essere spinto a Roma anche dalla tradizione che vede i giocatori carioca dare il meglio di se nella capitale.


Lorenzo D'albergo