Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 21 Agosto 2019, ore 20:02

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Chiesa , SkSoggetto:Papa Benedetto XVI , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Alessia Piccone
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 18 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Benedetto XVI al Convegno ecclesiale.

A Verona Benedetto XVI, pur sottolineando che la Chiesa non è agente politico, invita noi fedeli ad essere membri attivi della comunità e a portare il messaggio cristiano nella nostra società.

Id Article:13486 date 22 Ottobre 2006

Chieti, Durante il Convegno ecclesiale nazionale, tenutosi a Verona lo scorso 19 ottobre, il Papa Benedetto XVI ha tenuto a sottolineare che la Chiesa cattolica non vuole essere “un agente politico”, ma che non può restare nell'ombra quando la nostra società sta sempre più allontanandosi dai valori cristiani. Il pontefice auspica ad una Chiesa come “forza mite” della popolazione laica che con il suo esempio contribuisca a ritrovare una comunità in cui vi sia “amore reciproco e attenzione ai poveri e ai sofferenti”.
E affinché ciò si realizzi, parla a tutti noi cattolici, ci sprona ad affrontare le responsabilità che la fede comporta e ci spinge ad essere cittadini guidati dalla fiducia in Cristo, ci invita a partecipare alla vita della nostra società e a difendere per prima cosa la famiglia umana e tutelare la vita in tutti i suoi stadi.
Non può e non deve essere solo il nostro pensiero a fungere da modello, ma è soprattutto attraverso l'azione e i comportamenti personali che siamo veramente testimoni, di fronte all'opinione pubblica,della fede cristiana.
Papa Ratzinger mostra la sua preoccupazione “per la nuova ondata di illuminismo e di laicismo” che si sta sviluppando nella nostra nazione. Egli vorrebbe che nel popolo italiano si rinsaldasse la fede e che si possano rinforzare i valori che il materialismo ha cancellato.
E per questo, bisogna prima di tutto fronteggiare con determinazione alcune scelte politiche e legislative contrarie ai principi etici che si trovano a fondamento della stessa natura umana.
Con questo discorso il Pontefice non ha voluto dare alla Chiesa una missione politica, ma ha fatto capire a tutti i suoi seguaci che, di fronte ad una rinnovata corrente di idee che si pongono contro i valori più puri e semplici della vita, non si può semplicemente star lì ad osservare come le cose si evolvono e distruggono i diritti fondamentali di ogni essere umano, ma bisogna agire, o meglio reagire, per far sì che nel mondo, e soprattutto nella società di questo ventunesimo secolo, ci sia una nuova “crescita culturale e morale per un giusto ordine sociale”.

For more info: Premi per andare alla fonte della notizia

Alessia Piccone