Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 19 Agosto 2019, ore 20:21

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Sport , SkSoggetto:Coni , Tipo Articolo:Le piu' belle pagine di sport ,
,
a cura di Fabio Marasco
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 52 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




La danzatrice vicino allo storico direttore della Gazzetta dello Sport  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Il mondo dello sport premia Simona Atzori

Questa mattina a Verona la XII edizione del premio USSI vinto dalla danzatrice senza braccia

Id Article:13328 date 16 Ottobre 2006

Verona, Con un “grazie alla vita”, Simona Atzori accoglie con commozione il dodicesimo premio Campione nella vita, Campione nello sport, riconoscimento ideato e promosso dall'USSI (Unione Stampa Sportiva Italiana). Nel ringraziamento della danzatrice-artista senza braccia si riassume la cerimonia di premiazione tenutasi questa mattina a Verona presso la Sala Convegni dell'Unicredit Group.
L'evento è stato inaugurato con la proiezione della inaugurazione dei giochi Paraolimpici invernali di Torino 2006, di cui la Atzori è stata protagonista con la sua danza in uno scenario suggestivo e simbolico (dietro di lei, un grande muro abbattuto a simboleggiare il pregiudizio).
Molte le autorità presenti tra il pubblico e sul palco, a circondare come in un caloroso abbraccio la vincitrice. Tra questi Candido Cannavò, autore del libro “E li chiamano disabili”, presentato proprio un anno fa sempre in occasione del premio USSI. Lo storico direttore della Gazzetta dello Sport ha rivissuto i momenti del suo primo incontro con la vincitrice, durante la stesura del suo libro, elogiandone la sua grazia nella danza e la straordinaria forza interiore. Tiziana Nasi, presidente del comitato Paraolimpico Torino 2006 ha ribadito il successo dei giochi invernali, portatori di valori che vanno al di là del risultato sportivo e della prestazione fisica dell'atleta. Di comune pensiero anche gli interventi di Claudio Arrigoni, autore del libro “Paraolimpici”, e di Lorenzo Roata, giornalista Rai e autore-conduttore del programma Sportabilia.
Di particolare significato l'intervento del Monsignor Brollo, La Atzori firma autografi col piede destro  
(Premi per la FOTO Ingrandita) arcivescovo di Udine membro della Conferenza Episcopale Italiana (CEI) per la Cultura e le Comunicazioni Sociali, nel giorno in cui si aprono a Verona i lavori per il IV Congresso Ecclesiale Nazionale che culminerà giovedì 19 con la visita del Santo Padre. Brollo ha esaltato le capacità interiori dell'uomo nell'intraprendere l'attività sportiva al di là dei limitazioni fisiche.
Durante la cerimonia sono stati premiati gli studenti delle scuole elementari, medie e superiori che hanno partecipato al concorso giornalistico- grafico sul tema della disabiltà, che hanno ricevuto alcune copie del libro di Cannavò “E li chiamano disabili”, zaini e altri gadge offerti dalla società del Chievo Verona. A consegnare i vari premi, tra gli altri, i calciatori gialloblù Obinna e Rickler, Daniele Scarpa, il quale ha partecipato a quattro Olimpiadi (Los Angeles 84, Seul 88, Barcellona 92, Atlanta 96) ottenendo l' oro nell' ultima edizione nel k2 1000 metri in coppia con Antonio Rossi e Sandra Truccolo, campionessa di Tiro con l'arco su sedia a rotelle.
Simona Atzori, che ha ricevuto il premio dal presidente dell'USSI Veneto Alberto Nuvolari,  succede così, nell'albo d'oro del premio USSI, ad altri grandi sportivi come Gianluca Vialli (vincitore della scorsa edizione) e poi a seguire Gianni Bugno, Alex Zanardi, Francesco Toldo, Damiano Tommasi, e Giovanni Soldini, tra i vincitori degli ultimi sei anni.



Fabio Marasco