Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 24 Aprile 2019, ore 00:49

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Basket , SkSoggetto:Virtus Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Federico Rossini

, ,



Articoli: 128 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 2 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Alex Righetti pare di nuovo in buona forma, mentre nella foto si notano i bei fianchi delle maglie dei Suns, creati per l'occasione.  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Virtus, è già sfida decisiva

Per la Lottomatica fondamentale battere Udine per evitare di perdere troppo contatto dalla testa fin da subito

Id Article:13262 date 14 Ottobre 2006

Roma, Siamo ancora alla seconda di campionato, ma quello che opporrà domani alle ore 12:00 (diretta Sky Sport 2 e Sky Sport HD) la Lottomatica Virtus Roma alla Snaidero Udine in quel del PalaLottomatica è già un match che è obbligatorio vincere. La formazione di coach Repesa, infatti, non può permettersi un altro passo falso dopo l'imbarazzante (eufemismo) partita di Porto San Giorgio, che ha visto soccombere la Virtus per 77 a 69 di fronte alla Premiata Montegranaro, neopromossa in Serie A. 

Sul fronte Snaidero, invece, la sconfitta con la VidiVici Bologna, benché larga nelle proporzioni (70-94), era attesa, anche se proprio quel divario ha fatto scattare una gran voglia di rivalsa negli arancioni allenati da Cesare Pancotto (quest'ultimo ex coach di Roma). Inoltre, Udine era priva di Larry O'Bannon, guardia USA classe 1983, di buon livello.
 
Per Lottomatica-Snaidero, c'erano dubbi sulla presenza di Valters, che si era infortunato alla caviglia. Problema rientrato per il lettone, che sarà quindi sul parquet del Palazzo dello Sport di Roma assieme ai suoi compagni, tra i quali spicca il nome di Christian Di Giuliomaria, ala/centro romana, giocatore di ottima qualità già nel giro della Nazionale (9,4 punti di media l'anno scorso, ma soprattutto 43 stoppate). Intorno a lui,c'è una squadra complessivamente ben impostata, anche se inferiore a quella di un anno fa. I nomi comunque sono di buon livello: Wisniewski, Silvio Gigena, Jacob Jaacks, sono tre giocatori che possono infastidire la difesa romana. 

Da parte romana, c'è da verificare la condizione di tutta la squadra. In ombra Bodiroga, s'è visto in parte un buon Moiso, che però si è spento con lo spegnersi dei suoi compagni. Cmplessivamente, una sola vera nota positiva: Alex Righetti. A maggio aveva subito un infortunio molto grave, si è ricostruito un crociato e alla fine è tornato. Segni di vita li aveva già mostrati nell'evento con i Phoenix Suns, ma contro Montegranaro ha messo 17 punti e mollando per ultimo la partita, quando però non c'era più niente da fare. Il riminese potrebbe, in futuro, essere di grande utilità a Jasmin Repesa, se il passo è quello che ha mostrato in questi giorni. Il buon Alex non sembra rischiare di subire gli effetti della minaccia del suo coach di qualche giorno fa ("chi non vuole rimanere a Roma può anche andarsene subito"). 

In conclusione, da entrambi i fronti si aspetta il massimo risultato. Per Udine, sarebbe il là verso un buon campionato. Per Roma sarebbe la possibilità di rimanere attaccata alle altre big.


Federico Rossini