Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 20 Marzo 2019, ore 22:26

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Nessun gol anche oggi per il Parma (foto fc Parma)  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma travolge il Parma per 0 a 4

Parma-Roma 0-4 2006-2007 Serie A
Passivo troppo pesante per la giovane compagine emiliana castigata ad inizio e fine dei tempi di gioco.

Id Article:12789 date 25 Settembre 2006

Roma, Quando si vince per 4 a 0 fuori casa è automatico pensare ad una prestazione superba della propria squadra specie poi se si vedono le sintesi da cui si percepisce che se non fosse stato per il portiere De Lucia e per l'imprecisione dei giallorossi alla fine la gara poteva finire con un passivo ancora più pesante. Osservando poi il  Tabellino ci si accorge che per questa gara erano indisponibili tutti gli esterni di ruolo e che in vista della Champions venivano schierati dal primo minuto Cassetti, Rosi, Aquilani e Ferrari (suo l'assist per Montella). Su tali considerazioni  l'aver vinto in modo così vistoso avrebbe l'aria di un impresa da vergare negli annali, ma come sempre il giudizio va espresso in un'ottica più ampia e solo così è possibile comprendere le critiche di Mister Spalletti, inquadrato dalle telecamere quando la Roma stazionava sul 0 a 3 era più nero del suo collega Pioli, neanche fosse lui in svantaggio.
Al tecnico di Certaldo non è piaciuto l'approccio della squadra alla gara che in vantaggio già al 4 minuto grazie ad un bel guizzo del ritrovato Montella, in continua ascesa, ha poi fatto poco o nulla se non il contropiede nei minuti finali finalizzato da Perrotta.
Nella ripresa poi trovato quasi subito la terza segnatura ad opera di Rosi, anche lui alla prima segnatura ufficiale in serie A, la partita si è virtualmente chiusa e gli unici cenni di cronaca sono stati la sfida quasi personale tra Aquilani e De Lucia che ha visto il primo prevalere sul secondo solo in pieno recupero in occasione del definitivo 0 a 4.
Il Parma dal canto suo nel primo tempo la partita ha cercato di giocarsela ma con la difesa schierata della Roma con quattro elementi a con la collaborazione del granitico centrocampo, dove spicca sempre più la figura di De Rossi, è stato un gioco da ragazzi annullare il solitario Budan, Vincenzino Montella nella sua caratteristica esultanza  
(Premi per la FOTO Ingrandita) schierato unica punta, e limitare l'azione dei parmensi alla sola trequarti.
Come ammesso da Spalletti il Parma, seppur imbottito di giovanotti di belle speranze e senza Morfeo e Gasbarroni, il cui apporto in termini di qualità e di esperienza è fondamentale, è stato più squadra e nonostante la caratura inferiore ha retto con dignità il campo a prescindere dal risultato.
Purtroppo i gialloblu pagano mali antichi in primis una situazione societaria pesante che ha imposto una sessione estiva di calciomercato con pochi acquisti e troppe cessioni nel tentativo di fare cassa.
L'esperienza e la classe dei romanisti infatti ha avuto ben presto il sopravvento anche se oggi la Roma è stata cinica e spietata perchè agevolata più dalla classe dei singoli che non dal gioco di squadra.
Ovviamente per il morale, dopo la batosta presa con l'Inter, non si poteva chiedere di meglio al calendario ed è certo che vincere così bene non può che caricare i giocatori in vista degli impegni futuri; però questa Roma deve ancora fare parecchia strada. I margini per fare sempre meglio ci sono e con lo svuotamento dell'infermeria le soluzioni tattiche non dovrebbero certo mancare.
Non scordiamo che siamo ad inizio stagione e la Roma lo scorso anno di questi tempi non veleggiava in acque tranquille anzi … quando andò a realizzare il record di vittorie fu proprio per colpa dell'inizio stentato se il distacco dalle prime era ormai incolmabile.
Se si riuscisse a continuare così e poi ripetere quanto di buono è stato fatto l'anno passato allora si che questo potrebbe essere un anno più proficuo del precedente; in fondo chi non baratterebbe un record, anche prestigioso, con qualcosa che fosse in grado di arricchire la bacheca dei trofei di Trigoria?



Antonio Dir. Delle Site